Gli artisti del gusto italiano. Da segnalare “Le Petit Cafè”

0
351

BOLOGNA. L’eccellenza e l’innovazione italiana passa anche dai locali, soprattutto da quelli che – nonostante tutto – aprono investendo sulla qualità. Ecco perché facciamo tappa a Bologna dove eccellenza e innovazione si incontrano a due passi da Piazza Maggiore, cuore della città storica.

Un’idea imprenditoriale nata da due giovani amici, che condividevano la passione per l’ambito della ristorazione e l’audacia necessaria a portare a termine un progetto ambizioso. I due soci hanno puntato sul loro sogno, azzardando l’investimento in un’impresa curata sin da subito nei minimi dettagli, e che, proprio per la raffinatezza e la scelta accorta dei prodotti offerti, gode oggi di un’ottima reputazione e di una consolidata clientela.

Il punto forte de “Le Petit Cafè” che è anche “wine bar”, consiste nella scelta di prodotti pregiati, con particolare attenzione al settore dei vini e della caffetteria. Si può infatti spaziare tra una vasta gamma di vini, spesso forniti da produttori locali altamente qualificati come per i rinomati viticoltori delle terre di Franciacorta.

La degustazione può essere accompagnata da sfiziosi assaggi e la combinazione del tutto può essere scelta direttamente su loro suggerimento, i quali hanno seguito un  percorso di formazione sul gusto e sugli abbinamenti più adeguati.

I proprietari di “Le petit cafè” vantano un attestato come “artisti del gusto”, un concetto e un progetto esclusivo sviluppato da Illy e dedicato ai baristi che vogliono trasformare la professione in arte.

Un barista è un Artista del Gusto quando sa offrire passione, dedizione e competenza tali da tradursi naturalmente nell’arte di accogliere e coccolare i clienti ma di stupirli, accompagnandoli alla scoperta del mondo del caffè, dove arte e scienza dell’espresso si incontrano.

I profumi, i colori caldi e l’atmosfera accogliente del piccolo ambiente donano infine quel tocco di eleganza, che fa di questo bar un esempio di idea imprenditoriale vincente.

Maria Rosaria Mandiello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here