Choice International Pub
Via Irno Località Sardone
Pontecagnano Faiano (SA)

348 038 5131 – www.choiceinternationalristo-pub.com

Apertura pranzo dal lunedì al venerdì (12:00-15:30)

Apertura serale dal mercoledì alla domenica (20:30-2:00)

PRENOTAZIONE: consigliata

TIPO DI CUCINA: internazionale

COSTO MEDIO (bevande escluse): piatto principale e dolce min 10 max 20, hamburger con patate min 8 euro max 12 euro

choice cous cousAria di novità a Pontecagnano, in un panorama gastronomico dominato per lo più da svariate pizzerie e ristoranti legati alla cucina tradizionale campana.

Il Choice International Pub è la giusta trovata, quella che mancava e che adesso si è trasformata in una succulenta realtà per le nostre papille gustative.

Choice in inglese vuol dire “scelta”, quella che sicuramente tra mille difficoltà ma con coraggio ha fatto il titolare e giovane chef del locale Vincenzo Bisogno, classe ’87.

L’inglesismo è in sintonia con l’atmosfera ed i piatti di cucina internazionale popolare che si possono degustare al locale. Vincenzo dopo essersi formato in Italia, conseguendo il diploma presso l’Istituto Alberghiero, senza ripensamenti ha trascorso tanti anni fuori casa, formandosi per lo più nei ristoranti di Londra. Tra mille avventure, amicizie provenienti da svariati paesi del mondo e respirando l’aria cosmopolita della città nebbiosa, ha deciso di rientrare in terra natia e portando il suo bagaglio di esperienze professionali, ha inaugurato lo scorso 15 gennaio 2015 questo giovanile Pub a Pontecagnano.

Choice è allegro, vivace, si sviluppa su due livelli con due ampie sale e spesso propone divertenti serate a tema con interessanti degustazioni.

Il menù è composto da alcuni piatti principali tra cui: il Cous Cous marocchino, servito nella classica tajine magrebina di terracotta; il profumatissimo Pollo Tandoori indiano; dal Portogallo l’Espeto de atum camarão uno spiedo con gamberi, tonno e peperoni scottati alla griglia; la Jacket Potato inglese ovvero una patata rivestita di formaggio cheddar, straccetti di maiale e bacon affumicato; il Pollo Peri-Peri piatto piccante del Mozambico; lo Şciş turco variante del kebab con polpette di vitello, agnello e pollo marinati in salsa di peperoni e cotti alla griglia.

lo chef Vincenzo Bisogno
lo chef Vincenzo Bisogno

Solo a nominarli questi piatti incuriosiscono e ci riportano con la mente verso terre lontane, innescando ricordi di paesaggi dai colori caldi, e sensazioni olfattive di spezie e profumi d’oriente. Chiacchierando con Vincenzo, ne è venuta fuori una curiosa intervista.
1. Cos’è Choice International Pub e quando è nata l’idea?
L’idea di Choice è nata a Londra alcuni anni fa, quando sono venuto a conoscenza di ricette e piatti internazionali. Ho cercato di portare sul territorio una vasta “scelta” di piatti i cui ingredienti a volte sono anche difficili da reperire, soprattutto in Campania.
2. Chi è Vincenzo Bisogno?
E’ lo chef e titolare del locale che si dedica con passione e con tutto se stesso per rendere felici e soddisfatti i propri ospiti.
3. Quanto è importante per uno chef cambiare posto di lavoro e fare esperienza?
Cambiare posto è importantissimo, perché quanto più si è in viaggio ed in giro per il mondo, tanto più si acquisiscono esperienze e nuove conoscenze culinarie, che poi per fortuna ho avuto modo di portare qui in Italia.
4. Mi puoi spiegare la filosofia del tuo locale?
E’ nel saper abbinare a dovere le spezie e le salse che uso per aromatizzare i piatti, è nella continua ricerca dei piatti di tradizione popolare, quelli che di solito non trovi nei ristoranti etnici, ma soprattutto è nella scelta oculata delle materie prime che sono per lo più a Km 0, stagionali, del territorio picentino, tranne che per le spezie o prodotti irreperibili nel territorio. Inoltre garantisco la preparazione di piatti di qualità con dei costi contenuti.
5. Parliamo delle birre artigianali: quante etichette servite nel Pub?
Tra le birre artigianali serviamo quasi venti etichette, e altre quindici sono industriali. Tra le italiane artigianali consiglio la “Birra del Borgo” e la “Bionda del Brenta”, come territori siamo nel centro-nord Italia. Le birre alla spina non sono contenute in fusti d’acciaio ma in innovativi fusti in PET riciclabili, che mantengono più inalterato e fresco il prodotto quando viene servito al bicchiere. Nel menù propongo anche alcuni vini tra cui un Fiano Bio, un Marsia rosso Paestum, il Valpolicella, il Traminer, un vino al Ginseng e il Sake.
6. Mi puoi svelare qualche novità futura nel tuo menù?
Si certo, ti anticipo che sto cercando di introdurre nel menù il Ramen giapponese, l’hot dog americano e un pollo thai speziato al curry.

Jacket Potato
Jacket Potato

A completare il menù vi è anche una bella scelta di Hamburger caserecce di scottona, racchiuse in un pan brioche realizzato dallo chef, contornate da secchielli di latta pieni zeppi di spicchi di patate croccanti, che a vederle sembrano dei grattacieli, quelli di New York s’intende!

I dolci variano spesso, di solito vi sono torte al cioccolato che ricordano i brownies e gli immancabili cup-cake.

Un locale tutto da scoprire, dove nulla è dato per scontato.

Le premesse ci sono tutte, spesso bisogna prenotare un tavolo per mangiare, perché si rischia di non trovare posto. Non resta che a voi la scelta!

VOTI (da 1 a 5 aghi)
LOCATION: 2
ACCOGLIENZA: 5
SERVIZIO: 5
CARTA DEI VINI/BIRRE ARTIGIANALI: 4
CUCINA: 4
QUALITA’- PREZZO: 4

Annamaria Parlato

La sala dello Choice International Pub
La sala dello Choice International Pub

2 COMMENTS

  1. Andare AL pub (o al ristorante). La sala DEL pub (o del ristorante). Non mi sembrano frasi errate. Si rassereni…

  2. Conosco il Chioce International RISTO-pub, bella recensione ma “Allo Choice” e “Dello Choice” non sono corretti dal punto di vista grammaticale.

    Saluti.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here