Bentrovati e benvenuti ad un nuovo appuntamento con “Pane e Rosmarino”, rubrica di Rosmarinonews.it dedicata al cibo, al benessere ed al territorio.
Stavolta parleremo di un frutto molto interessante sotto tutti i punti di vista, che dà il meglio di sé proprio nel mese di settembre: il fico d’India.
La prima curiosità ci viene regalata proprio dal nome che, in verità, è frutto di un errore.
In effetti, ricordiamo tutti che Cristoforo Colombo approdò sulle coste americane credendo di aver raggiunto le Indie. Ed ecco il perché di un nome che – in pratica – non ha nulla a che vedere con la realtà.
Era una pianta simbolica e preziosa per gli Atzechi, portata in Europa all’incirca nella metà del 1500. Di facile coltivazione, si adatta perfettamente al clima Mediterraneo, tanto che ne ha via via caratterizzato il paesaggio.
In Italia trova uno spazio d’onore in Sicilia, dove addirittura sono sorte due Denominazioni di Origine Protetta: il ficodindia del Cono e il ficodindia dell’Etna.
Consumatene se desiderate fare una merenda con pochissime calorie. I fichi d’India sono molto ricchi di acqua, di vitamine e di sali minerali.
Se l’utilizzo alimentare del frutto è cosa nota, non è ottimo soltanto fresco ma anche usato per ottenere confetture, liquori, sciroppi, meno noto è il gusto delle pale (o più correttamente cladodi).
Curiosità. In Sicilia si produce uno sciroppo che assomiglia molto a quello d’acero, mentre in Messico i cladodi vengono spinati, scottati su piastre caldissime e serviti con crema di fagioli, mais e cipolla.
Se vi piace portare in tavola piatti originali provatele in pastella!
Raccogliete le più piccole e tenere con dei guanti, lavatele bene ed eliminate eventuali spine. Tagliatele a fettine sottili, impanatele in una pastella ottenuta con un tuorlo, 200 grammi di farina ed acqua frizzante, adagiatele in olio bollente. Servitele con del limone e se gradite un’insalatina.
Scrivetemi, raccontatemi la vostra esperienza a riguardo…
Vi aspetto la prossima settimana sempre qui su Radio MPA, nel frattempo seguitemi sui social di Rosmarinonews.it ed anche sui miei, mi trovate cercando Antonella Petitti foodtrotter!

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here