E’ un piatto che esiste da sempre, probabile che – come per altri grandi classici – sia stata la casualità ad avergli dato i natali.

Ancora oggi il detto “fare una frittata” fa riferimento a qualcosa di involontario. Tra le autorevoli supposizioni si fa riferimento alla cucina araba, ma ben presto questa preparazione trovò casa in Europa dove in ogni nazione vi è la sua variante.

Le più tipiche ed amate sono le frittate italiane, le tortillas spagnole e le omelette francesi.

Le uova d’altronde sono un alimento povero che trasforma la frittata in un piatto democratico, che si abbina bene o male a tutto e ci viene in soccorso quando si ha poco tempo da dedicare alla cucina.

Ma quali i consigli basilari per una frittata perfetta?

Gli esperti concordano sul fatto che le uova non vanno rovinate molto, dunque sbattute leggermente.

E’ buona norma che il filo d’olio evo o di burro che utilizzerete per la padella sia ben caldo, prima di aggiungervi le uova.

E’ consigliato, per evitare di friggere anche ortaggi o verdure che utilizzerete per realizzarla, di sbollentarle leggermente e lasciarle scolare molto bene.

Ad ogni stagione le sue frittate

Se la omelette vuole che altri ingredienti vengano aggiunti soltanto alla fine, le nostre frittate migliori spesso si accompagnano ad ingredienti freschi di stagione che arricchiscono di sapore e di proprietà nutrizionali.

C’è da divertirsi, pescando in quello che offre il mercato orticolo. I più salutisti preferiscono che il tutto sia sbollentato prima di incontrare le uova in padella, ma in taluni casi la doppia frittura carica il gusto ed il buonumore!

E’ l’esempio della frittata con le patate che è anche la più classica perchè quattro stagioni. Ovviamente se si tratta di verdure a foglia larga o – ad esempio – della famiglia dei cavoli, bisognerà seguire il consiglio di lessare tutto.

Ecco le frittate più cliccate ed amate di Rosmarinonews.it. E buon appetito!

CLASSICI. Frittata di cipollotto nocerino

SECONDI. Frittata di cicorie con Pecorino e peperone crusco

TAPAS. La tortilla di patate

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here