Tags Costa d’Amalfi

Tag: Costa d’Amalfi

Valcarpat. In nome della biodiversità dei carciofi, una cena tematica in...

CONCA DEI MARINI (SA). Martedì 29 aprile alle ore 20 al Calajanara restaurant dell'Hotel La Conca Azzurra cena tematica sul carciofo in tutte le...

Birra artigianale TraMonti. Un progetto territoriale che ben si abbina alla...

RAVELLO (SA). Cresce l'attenzione verso le birre artigianali, segmento in cui la qualità è in continua crescita e l'attenzione ai prodotti locali segna una...

Campania Stories. Dall’Irpinia alla Costa d’Amalfi in onore dei vini bianchi...

AVELLINO. Saranno la Costa d’Amalfi e l’Irpinia ad ospitare le due tappe di “Campania Stories – I vini bianchi”, presentazione alla stampa specializzata nazionale...

DIRITTO DI NOMINA. La saporita Cetara di Al Convento

CETARA (SA). In una serata d’estate dove si potrebbe cenare? Una possibilità al sicuro riparo dalle delusioni è “Al Convento”. A pochi chilometri da Salerno...

Inaugura San Lazzaro. Un nuovo resort ed un giardino botanico nella...

MAIORI (SA). E’ prevista per il prossimo 5 giugno, alle ore 19, l'inaugurazione del nuovo complesso turistico l'Hotel Botanico San Lazzaro che arricchirà la Costa d'Amalfi del nuovo resort a cinque stelle, per favorire l'incoming e la emergente domanda turistica del segmento d'elite.

Atrani. Il comune più piccolo dell’Italia meridionale

ATRANI – COSTA D’AMALFI (SA). Atrani, il più piccolo comune dell’Italia meridionale, poco meno di un chilometro quadrato di case raccolte tra le ripide pareti dei monti Aureo e Civita, trae il suo nome da Atranum, “luogo oscuro”. Un bel paradosso, considerato che la località in cui venivano incoronati i dogi all’epoca della Repubblica Marinara brilla da decenni di luce propria e attira artisti e turisti da ogni parte del mondo, grazie al meraviglioso effetto scenografico offerto dal borgo che si specchia nel mare. E se lo visitate ora, nel periodo festivo, vi ritroverete immersi in un caleidoscopio di colori che ondeggia tra il sogno e la magia. (foto e testo di Roberto Pellecchia) CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA

Storia di ordinario maschilismo. Santa Trofimena e la sua Minori

I suonatori di zampogna e ciaramella sono forse gli ultimi veri e fedeli testimoni dell’antico culto a Santa Trofimena. Delle reliquie della Santa, trafugate durante le invasioni dei Longobardi e successivamente riportate a Minori, si hanno notizie già dall’840 d.C. circa. Patrona per lungo tempo non soltanto della città di Minori, ma di tutta la costiera amalfitana, la santa siciliana con l’arrivo delle reliquie di Sant’Andrea, portate ad Amalfi nel 1206, è stata “destituita”. Storia di ordinario maschilismo? Chissà.
- Advertisement - Pubblicità su Rosmarinonews

ULTIMI POST

ULTIME RICETTE

Pubblicità su Rosmarinonews