VISTA DA CORBARACORBARA (SA). “Una terrazza sul paradiso”, così il romanziere francese Guy de Maupassant definì entusiasta Corbara, piccolo borgo ai piedi dei Monti Lattari, porta d’accesso per la Costiera Amalfitana, con sfondo il Vesuvio.

Una piccola oasi di pace in collina, che vanta una macchia mediterranea incontaminata, che la rende celebre nei dintorni. Borgo caratteristico: interamente agglomerato di abitazioni raggiungibili attraverso scalini e vicoli stretti e caratteristici.

La “Sala” così viene chiamata dai corbaresi, è il vero cuore del paese: totalmente inaccessibile alle auto, ma paradossalmente la preservano e la rendono un piccolo gioiello facendola sembrare lo scenario dei racconti dei nostri nonni.

Corbara è anche terra di sapori. Il suo sinonimo in tavola è senza dubbio il “corbarino”, piccolo, dolce e pungente di sapore. Protagonista indiscusso dello “scarpariello“. Ha origini antiche e viene coltivato in maniera tradizionale: non viene irrigato se non quando lo decide il clima. Figlio del sole e del fuoco. Il pomodorino di Corbara viene coltivato nel cuore dell’estate senza essere mai annaffiato.

Si coltiva in terrazzamenti strappati alla collina dove il terreno regala alla pianta molti minerali importanti. Ancora oggi tutto il lavoro dei contadini è fatto a mano e proprio per la difficile produzione in larga scala, questo prodotto stava di fatto rischiando di scomparire. Una vera e propria gloria alimentare che si può definire senza tema di smentita un simbolo di Corbara.

POMODORINO DI CORBARA

Un territorio modellato dall’agricoltura e dalla viticoltura. Accogliente, riservata e intima. Uno sguardo su un ettaro e mezzo di viti che affacciano tra Ischia e Capri, ed è lì che sorge l’azienda agricola “Borgo Giulia”, che propone un prodotto forte dell’identità delle viti corbaresi, connubio perfetto tra la mano dell’uomo e della natura.

L’azienda agricola Borgo Giulia nasce dalla passione di due giovani fratelli: Vincenzo e Salvatore Tortora, nati con la passione per il vino, che dalla tradizione familiare del buon vino hanno scommesso sul futuro, curando ogni giorno le viti nel rispetto dell’ambiente e del territorio.

VIGNA BORGO GIULIA

Il gioiello di casa è il Cruàra, che si presenta in veste di rosso e di bianco. Un vino luminoso, compatto e dal colore solido, invecchiato in barrique per 12/14 mesi l’Aglianico in purezza. Un prodotto aromatico e tropicale è invece il Cruàra bianco, dal colore paglierino e luminoso, un Fiano in purezza. Un tripudio di fiori che si mescola all’ananas ed alla buccia di agrumi.

L’ultima nata invece è proprio Julia, che al palato si presenta dolce, esaltando a pieno le uve di Aglianico. Una evoluzione dell’Aglianico già prodotto, che si vanta di una ulteriore selezione e di una maturità (anche tecnica) superiore.

Cibo e buon vino ecco cosa offre la splendida terrazza sul paradiso denominata Corbara, un’ottima scusa per farci un salto.

Azienda Agricola Borgo Giulia

via Tenente Lignola, 51 – Corbara (SA)

tel. e fax: 081/ 913011

www.borgogiulia.it 

Per i pomodorini va segnalata:

I Sapori di Corbara
Via A. De Vito, 14/b – Corbara (SA)

www.isaporidicorbara.it

Maria Rosaria Mandiello

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here