Il pollo in cucina. Qualche buon consiglio per l’acquisto…

0
309

Tra le carni bianche che noi consumiamo, la più frequente è quella di pollo. Oggi è sempre più difficile trovare nei banchi da macelleria dei polli allevati all’aperto, poiché la maggioranza sono nutriti in batterie intensive.

La pollastra è di certo migliore del pollo avendo carni leggermente più grasse e più tenere.

Per giudicare la qualità di un pollo, accertatevi che la carne sia soda ed elastica, che le giunture non siano rossastre – segno che indica che l’animale non ha avuto molte possibilità di muoversi – e che ci sia lo sperone delle zampe, il quale è assente negli esemplari giovani.

Entrambe le osservazioni vi sveleranno se è un animale cresciuto in un allevamento intensivo. In questo caso le carni saranno qualitativamente scadenti, molli e insipide. Verificate anche che la pelle sia ben asciutta e non appiccicosa.

Nel periodo natalizio è tradizione usare il cappone che, a causa del suo grasso, presenta carni tenere e saporite.

Anche per le carni bianche vige la regola di non cuocerle eccessivamente rendendole stoppose, fate quindi attenzione che rimangano umide al centro.

 

Marco De Luca, chef

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here