La visita di Napolitano a Salerno…dal punto di vista enogastronomico!La soddisfazione della FISAR

0
249

SALERNO. Nella storia della FISAR di Salerno una data inserita negli annali è senz’altro quella del 14 settembre 2010. L’arrivo in città del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha messo in piedi una straordinaria macchina organizzata anche in senso “enogastronomico”. Ecco perché, chiamati ad accoglierlo, sono stati il delegato Alberto Giannattasio e la sommelier Sara Romano, assieme ad altri interessanti nomi del settore: il noto pasticciere Salvatore De Riso, lo chef Gennaro Marciante ed il patron del ristorante “Acquapazza” di Cetara, Gennaro Castiello.

Al pranzo, tenutosi presso le prestigiose sale del Palazzo della Prefettura di Salerno, hanno preso parte oltre al Presidente Napolitano, anche il Ministro Mara Carfagna, il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, il rettore dell’Università Raimondo Pasquino ed il padrone di casa, il prefetto Sabatino Marchione.

Ad un menù tutto “costierano” sono stati abbinati i vini offerti dall’Enoteca Provinciale di Salerno, presieduta da Fernando Cappuccio.

Così ad un aperitivo composto da pane, burro e alici di Cetara, tonno all’olio, polpettine di pesce, frittelle di pasta cresciuta, focaccine, pane cotto all’Acquapazza, ricottine di bufala di Paestum e fiordilatte di Agerola è stato abbinato un Dubl 2006 dei Feudi di San Gregorio.

E’ seguito il primo piatto “Pasta mischiata con zuppetta di pesce fuiuta”, accompagnato da un Fiorduva 2008 di Marisa Cuomo. Accanto al secondo “Filetto di ricciola di passaggio allo Sfusato Amalfitano” è stato servito un Montevetrano 2007 di Silvia Imparato. In chiusura accanto ad un trionfo di dolci della tradizione di De Riso, diversi liquori della Costiera Amalfitana tra cui il “sempreverde” limoncello!

Antonella Petitti

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here