I limoni in cucina. Tre parti da utilizzare diversamente…

0
516

I limoni sono un frutto originario dell’India, introdotti in Europa nel 1200 a. c., di cui si fa un largo uso in medicina, in profumeria ed in cucina.

Questo frutto presenta tre caratteristiche diverse di gusto: la buccia è la parte più profumata, ricca di oli essenziali, la parte bianca si presenta amarognola e infine la polpa dal sapore aspro.

Per queste varie caratteristiche i limoni entrano nella preparazione di molti piatti di cucina e di pasticceria, importante è cogliere il loro periodo migliore per sfruttarne al meglio le sue proprietà.

 

Usate solo la parte gialla, facendo attenzione a non prendere quella bianca se vi serve per aromatizzare creme dolci o per dare un tocco di vivacità alle insalate, usate la polpa o il succo se vi occorre donare al vostro piatto un tono di acidità.

Tra le migliori qualità del territorio troviamo il limone di Amalfi dalla forma affusolata e da un delicato profumo, ottimo da abbinare al pesce alla griglia o a dolci piuttosto grassi a base di ricotta, particolare anche il limone gigante di Cetara, da affettare finemente e da servire nella versione salata con acciughe e olive nere o nella versione dolce con zucchero di canna e uvetta passa.

 

 

Marco De Luca

chef

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here