Pizzeria Negri. La storia dei Picentini a tavola, orgoglio italiano per la stella Michelin

0
318

Pizzeria Negri (4)PONTECAGNANO FAIANO (SA). La pizzeria Negri rimane una delle poche certezze per gli amanti della pizza, quella con la maiuscola.

L’alta qualità e l’alto livello delle materie prime è sempre stato il punto di forza della pizzeria più antica del territorio picentino, fondata nel 1928 dal commendatore Edoardo Negri, che da sempre ha fatto la differenza tanto da ottenere nel 1962 la stella Michelin.
Storico locale cittadino con grandi spazi, tanti coperti ed un ampio giardino, la sua cucina è accessibile a tutti con un menù attento e di personalità.
Infatti, la prima cosa che notiamo sfogliando il menù è l’attenzione che si ha verso i vegani, al quale vengono indicati i piatti veg con un simbolo ben visibile e riconoscibile.

MENU NEGRI
Altra interessante innovazione si concentra nell’antipasto, capace di immergere il cliente nel cuore del Cilento pur non spostandosi da tavola. Una prima portata interamente pensata per creare un legame forte con una zona della Campania ricca di piccole attività artigiane in grado di far rivivere i sapori e gli odori della propria terra.

E’ quello che accade con il “Cilentano” composto dalla mozzarella nella mortella, formaggio di vacca lavorato in loco e avvolto in un contenitore naturale di foglie di mirto, soppressata di Gioi riconoscibile grazie al lardello centrale a forma quadrata e per concludere olive (varietà Salella) ammaccate del Cilento e carciofini bianchi del Tanagro.

SOPPRESSATA PIZZERIA NEGRI
I fritti sono probabilmente i più buoni mai mangiati: tutti perfetti, fragranti, per niente unti. Parola bandita congelato. La mozzarella in carrozza insieme ai fiori di zucca ripieni di ricotta sono indescrivibili a parole per la bontà e il sapore.

Sempre aperti a cena il ristorante – accanto alla sua specialità, ovvero il pollo alla Negri –  offre una vasta varietà di pizze. Asso nella manica i prodotti utilizzati, tutti di primissima qualità.
Due parole su quella che riteniamo un vero e proprio tripudio di sapori: la Commissaria.
Ingrediente “segreto” per questa pizza è il burro Occelli che prende il posto del classico olio extra vergine di oliva messo alla fine e si amalgama alla perfezione con la mozzarella DOP, il parmigiano Reggiano DOP ed un’altra eccellenza del territorio il prosciutto crudo di Ciarcia che completa questa vera e propria opera d’arte.

Pizzeria Negri (15)

Ma quello che sembra un vezzo, l’utilizzo di una noce di burro alla fine, è invece un gesto che narra – ancora oggi – del rapporto che il commendatore Negri aveva stretto con alcune zone del Nord Italia, in cui vi aveva trascorso del tempo, a tal punto da integrare la cultura del burro artigianale nelle sue scelte culinarie.
Un risultato che viene certamente dopo anni di duro lavoro. E di anni in questa pizzeria Marcello ne ha trascorsi quasi 42.

A soli 12 anni il pizzaiolo storico della Negri inizia come parcheggiatore per poi essere “promosso” prima cameriere e poi pizzaiolo, mestiere che ormai riveste da ben 30 anni. E gli anni di esperienza e la passione che ci mette in ogni pizza si sentono e si traducono nella semplicità e nell’esaltazione degli ingredienti.

MARCELLO PIZZERIA NEGRI
Un ottimo abbinamento con la Commissaria è quello con il “Phasis minore”, un Fiano in purezza senza solfiti e biologico di Tenute del Fasanella, azienda degli Alburni che si sta distinguendo sia per le pratiche agronomiche che per una vinificazione attenta a rispettare il più possibile la materia prima.
E per chi non fosse ancora sazio, non potete lasciare la pizzeria senza aver concluso la vostra cena con un dessert degno di nota: la coppa Negri.

COPPA NEGRI
Non un semplice tiramisù ma un bell’equilibrio tra leggerezza e sapore interamente realizzato all’interno della pizzeria. Ma se vi aspettate di trovarvi i classici savoiardi resterete delusi, infatti, a rendere unico questo dessert è la presenza dei biscotti Gentilini che riescono a rendere perfetta una ricetta semplice ma allo stesso tempo ricercata.
E poiché il cibo per la famiglia Negri ha un valore importante, contro lo spreco alimentare arriva la family bag e la wine bag che permette ai clienti di portare a casa – per essere consumati in un secondo momento – sia il cibo avanzato che le bevande non terminate.

PARTICOLARE NEGRI
Esperienza gastronomica assolutamente positiva e di questo possono andarne ben fieri gli eredi del Commendatore Negri ed in particolare Arturo Negri che insieme ai nipoti nel 2009 hanno ripreso a pieno ritmo la gestione del locale riportandolo ai fasti di un tempo quando protagonisti illustri quali Totò, Sofia Loren e per giunta il Principe Umberto si abbandonavano ai sapori e all’atmosfera neoclassica che ancora oggi si respira a pieni polmoni nel locale più famoso della zona.

Se è l’unica pizzeria d’Italia ad avere una stella Michelin un motivo di sarà….

Pizzeria Negri

Via G. Budetti 28 – Pontecagnano Faiano (SA)

089.848001

Pagina FB Pizzeria Negri 1928

Oriana Giraulo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here