Nasce il “Fiano delle Puglie”. Il vitigno autoctono angioino

0
482

La Puglia, terra di rossi (e di rosati) dal carattere forte e longevo, cerca e trova il bianco in grado di completare la gamma vitivinicola d’eccellenza, che ne fa una delle regione regine sul proscenio multicolore dell’enologia internazionale.

Il nome fino ad ora lo abbiamo sempre ricollegato al territorio campano, ma il Fiano è destinato a diventare un altro ambasciatore di Puglia, con una nuova denominazione di origine: “Fiano delle Puglie“.

A tal proposito, si è costituito presso la sede dell’assessorato all’Agricoltura il Comitato promotore che, alla presenza del notaio e dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Dario Stefàno, firmerà la domanda di riconoscimento che poi verrà inviata al Ministero delle Politiche Agricole. Fra i promotori della costituzione del comitato figura anche il Movimento Turismo del Vino Puglia.

Quella di oggi è una data importante per il nostro settore vitivinicolo, poiché parte un ulteriore progetto improntato alla qualità intorno ad uno dei vitigni storici e più antichi della Puglia – dichiara Dario Stefàno. Con l’iniziativa odierna rafforziamo il disegno regionale di aggregazione delle Doc Pugliesi che abbiamo avviato con l’obiettivo di ridurne il numero, raggruppandole attraverso poche DOC ombrello intorno ai vitigni autoctoni pugliesi. Non ci appassiona, infatti, tanto il discorso dei numeri, appuntarci “un’altra medaglia al petto” e quindi avere una DOC in più. Quello che più ci ha convinto nell’intraprendere questo impegno è il fatto di legare ad un elemento fortemente identitario della Puglia, del nostro terroir, della nostra storia produttiva e culturale, com’è il Fiano, un disciplinare di produzione di alta qualità. E’ un ulteriore tassello della politica di valorizzazione dei vitigni autoctoni, come elemento di appeal e di traino delle nostre etichette sui mercati nazionali ed esteri“.

Fra i protagonisti di questo importante percorso c’è il Movimento Turismo del Vino Puglia, promotore della costituzione del Comitato che avrà il compito, in partnership con Assoenologi di Puglia, Basilicata e Calabria, di introdurre presso il Ministero delle Politiche Agricole, la domanda per il riconoscimento, la cui relazione tecnica è stata redatta dal prof. Antonio Calò con la collaborazione dell’Accademia della Vite e del Vino.

I nomi dei produttori facenti parte del Comitato: Botromagno di Gravina in Puglia (Ba), Cardone Vini di Locorotondo (Ba), Paolo Leo di San Donaci (Br), Rivera e Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli di Andria, Tormaresca di Minervino Murge (Bt), Torrevento di Corato (Ba), Varvaglione Vigne & Vini di Leporano (Ta). Presidente del comitato è stato nominato Giuseppe Palumbo amministratore delegato di Tormaresca. Vicepresidente è Sebastiano de Corato della Cantina Rivera, tesoriere Cosimo Varvaglione dell’azienda Varvaglione Vigne & Vini.

La volontà del comitato – spiega Giuseppe Palumboè quella di riscoprire e valorizzare la storia di una produzione da circa un secolo riconosciuta come campana ma che, da sempre, affonda le sue radici in Puglia. La regione che in antichità faceva parte della Enotria, la terra del vino. L’avvio delle pratiche per questo riconoscimento è dettata dalla necessità di produttori, Regione Puglia e “attivisti del vino” pugliese, Movimento Turismo del Vino Puglia in primis, a riappropriarsi di questo vitigno, garantendogli il giusto spazio anche a livello formale. Insieme a Negromaro, Nero di Troia e Primitivo, ha tutte le carte in regola per diventare traino della produzione vinicola d’eccellenza pugliese“.

Ma per la denominazione, come vuole l’iter, si attende il benestare da Roma. “Abbiamo finalmente sconfitto un tabù antico – conclude Stefàno – che il Fiano fosse un vitigno campano. Abbiamo appurato che la storia dice che il Fiano è chiaramente pugliese, ecco perché questa denominazione ha doppio valore e ci riconsegna finalmente questo vitigno autoctono“. Sembra, infatti, che in Puglia il vitigno sia stato introdotto dagli Angioini nel XII secolo.

Antonio V. Gelormini

gelormini@affaritaliani.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here