La pizza di Sorbillo si fa in 8. La tradizione rivive nel coraggio di un grande imprenditore

0
547

OGGI A 8NAPOLI. La pizza di Gino Sorbillo si fa in 8. No, non viene venduta a pezzi, anzi. E’ un po’ come una moltiplicazione dei pani e dei pesci. Perché Gino in un momento felice della sua professione (certamente guadagnato), non dimentica affatto chi vive questo duro momento di crisi.

E fa appello alla tradizione, rispolverando una pratica che racconta – più di mille parole – il buon cuore napoletano.

Quel famoso “caffè pagato” che si estende a “pagami appena puoi”, gesti d’altri tempi se guardiamo al villaggio globale e a tutte le buche sociali che questo ha creato.

Così da Sorbillo si può prendere una pizza e pagarla dopo 8 giorni, pratica probabilmente molto comoda soprattutto quando si arriva verso fine mese o si ha davvero terribilmente fame.

Questa pizzeria è in Via dei Tribunali, non può dimenticarsi del mondo che la circonda”, così commenta alle tv accorse a riprendere la novità. Lui non ama le polemiche, anche a chi chiede come faranno con chi non paga. La sua risposta è semplice, schietta e autentica: “Non avranno più credito, ma noi diamo fiducia”.

Si condensa da solo Gino, si racconta coi gesti, a dispetto dei molti.

Ma non è l’unica novità per il pizzaiolo napoletano, votato a questo mestiere sin da bambino, fin da quando con il suo papà andava a mangiare in altre pizzerie per riflettere, provare, confrontare.

Sorbillo nel suo ritrovo a Casa della Pizza
Sorbillo nel suo ritrovo a Casa della Pizza

Difatti dopo essere diventato un amatissimo protagonista della Prova del Cuoco (RAI UNO), Gino lavora all’apertura di altre tre pizzerie.

A strettissimo giro sul lungomare napoletano, in Via Partenope, aprirà una pizzeria “gourmet” che si chiamerà “Lievito Madre”, mentre la seconda nuova apertura in città è quella al taglio che sogna nel palazzo di famiglia, proprio sotto alla splendida “Casa della Pizza” – il rifugio che apre con affetto ad amici e colleghi.

Ma in programma c’è anche una scommessa decisamente fuori porta, a Milano. Lì se la sognano una verace napoletana e la presenza di una pizzeria firmata Sorbillo siamo certi sarà un successo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ma invece che raccontare una pizza, molto amata dai più, mi preme tornare sull’energia di Gino che, prima d’essere un coraggioso imprenditore, è un ragazzo dai grandi sogni e attento agli altri.

Caratteristica non troppo comune, visto che il successo di solito trasforma tutti in presuntuosi ombelichi.

Bisogna augurarsi che di Gino ce ne siano tanti. Sta dimostrando coi fatti che anche nel nostro tanto vituperato e scoraggiato Sud…lavorando sodo, avendo e dando fiducia, sorridendo al mondo, qualcosa di buono ne viene…

 

 

Antonella Petitti

CASA DELLA PIZZA/ da sx Attilio Astone (organizzatore di Pianeta Bufala) e Gino Sorbillo
CASA DELLA PIZZA/ da sx Attilio Astone (organizzatore di Pianeta Bufala) e Gino Sorbillo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here