L’infido “Punteruolo Rosso” e le Palme del Lungomare

0
311

Sono ormai decine i fusti morenti, affetti da Peste delle piante, che dovranno essere abbattuti sul Lungomare Triste.

Rhynchophorus ferrugineu è il nome scientifico del cosiddetto “Punteruolo Rosso” il piccolissimo “Untore” che infesta le Palme delle Canarie condannandole ad una lenta agonia e poi alla morte. Il servizio verde pubblico comunale ha provato ad arginare la situazione mediante trattamenti chimici periodici. Ma è stato inutile.

Una volta attaccate il destino delle palme è segnato. «Fino a quando non si riuscirà a trovare una soluzione definitiva al punteruolo rosso, nuove palme non potranno essere impiantate, quindi dopo aver abbattuto quelle ormai morenti si dovrà procedere con l’inserimento nelle aiuole di altri tipi di vegetali».

Così Biagio Scanniello, responsabile dei giardini pubblici del Comune spiega l’intervento da effettuare. La zona più colpita dall’ insetto e dalla Peste delle Palme è certamente il Lungomare Triste dove già circa 70 esemplari hanno concluso il loro ciclo di vita e sono stati abbattuti. È già pronto un piano d’azione sia per la cura degli altri  fusti infestati che  per l’eliminazione del coleottero distruttore.

Il sindaco Vincenzo De Luca lo ha annunciato nel corso del consueto appuntamento a Lira Tv: «L’abbattimento è inevitabile. A fine mese presenteremo il progetto di un gruppo di botanici a fronte del problema enorme che riguarda tutto il palmeto. Il programma di rinaturalizzazione del lungomare ci costerà milioni di euro».

Poi spazio all’impianto di nuove piante di macchia Mediterranea: sugheri, ulivi, carrubo, la cercis siliquastrum, detta anche “pianta di Giuda”. L’impianto procederà a step per zone del Lungomare Trieste arricchendo le aiuole di nuovi arredi botanici con cespugli, mirti, corbezzoli.

Il terreno vegetale delle aiuole sulle quali saranno impiantiti i nuovi arbusti passerà dagli attuali 80 cm a circa 1 metro e 20 cm di altezza al fine di favorirne un ottimale inserimento botanico.

Gabriella Petruzziello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here