Fiamme nel Parco dei Monti Lattari. La lettera di Marotta commenta quanto accade…

0
267

Raccogliamo e pubblichiamo questa lettera firmata dal presidente del Parco dei Monti Lattari, perché pone bene l’accento sulla necessità di mettere in primo piano il nostro patrimonio naturalistico. Per farlo è necessario partire dapprima da una educazione collettiva all’amore verso Madre Natura e poi alla formazione di personale che possa “prendersene” cura, senza questi passaggi continueremo a soffrire ( anche se in pochi) per questi scellerati atti vandalici che lasciano distruggere in fiamme ettari di alberi e verde.

 

Antonella Petitti

 

“Nel momento in cui mi accingevo a ringraziare tutti i volontari, le associazioni e i soggetti che hanno contribuito all’azione CAMPI AIB 2011 apprendo che la Valle delle Ferriere è interessata da un incendio di vaste proporzioni che mette a rischio un’area di incomparabile bellezza e pregio ambientale.

 

Profondo rammarico, grande dispiacere, proviamo in questo momento. L’incendio che ha colpito la Valle delle Ferriere ci turba enormemente e allo stesso tempo rafforza in noi la convinzione che la tutela del territorio e della sua biodiversità debba continuare ad essere un impegno costante dei singoli individui e delle istituzioni.

 

Anche quest’anno, nonostante l’ostracismo (economico e politico) della Regione Campania, l’Ente Parco Regionale dei Monti Lattari ha promosso e realizzato 9 campi e 8 presidi AIB; ciò è stato possibile grazie, soprattutto, al VOLONTARIATO, che rimane spesso l’unica forma attuabile di protezione dell’ambiente.

 

Ancora una volta la mancanza di fondi ci ha costretto a concludere le attività di monitoraggio e avvistamento alla metà di settembre e ancora una volta, purtroppo, all’indomani della chiusura dei campi e dei presidi, la mano scellerata di individui ignoranti e delinquenti ha colpito questo territorio, riconosciuto a livello mondiale quale scrigno di biodiversità.

 

Sempre più convinti che le attività di monitoraggio e antincendio boschivo, così come di formazione e informazione dei cittadini debbano divenire permanenti, continueremo a lavorare per la tutela e la conservazione del territorio dei Lattari”.

 

Corbara (SA), 17 settembre

 

Gino Marotta,

Presidente Parco Regionale dei Monti Lattari

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here