CUCINA ANTISPRECO. Vellutata con scarti di asparagi

0
961

Chi ama le vellutate può provare a prepararne una con gli scarti dell’asparago e qualche altra verdura aromatizzando poi con spezie o erbe aromatiche.

Ottima gustata bollente durante i gelidi inverni, ma saporita anche durante la bella stagione, questa vellutata può anche essere consumate fresca o a temperatura ambiente. Ecco un suggerimento di abbinamento green – se ne possono provare altri anche in base a ciò che si ha in casa – e il procedimento.

Ingredienti

La parte di scarto (circa 10 cm) dei gambi di 400 grammi di asparagi, due patate, uno o due cipolle o qualche cipollotto (in questo caso si inserirà anche il gambo), un paio di zucchine, olio, sale, pepe, peperoncino quanto basta.

Cosa serve

Una casseruola di medie dimensioni, un bamix e un cucchiaio di legno

Preparazione

  • La parte di scarto dell’asparago deve essere ben lavata (attenzione, e quella che rimane più vicina alla terra, spesso è necessario uno spazzolino per pulirla come si deve), e sbucciata (con un pelapatate è più semplice). Per cucinarla più in fretta è consigliabile tagliare i pezzi di gambo a metà in senso longitudinale. Anche le altre verdure vanno ben lavate e/o sbucciate e tagliate a pezzi.
  • Scaldare due o tre cucchiai d’olio nella casseruola con peperoncino tritato (qb), quindi si inseriscono i gambi dell’asparago, la patata e la cipolla. Lasciare andare per qualche minuto girando qualche volta il tutto con il cucchiaio di legno, quindi coprire con acqua preventivamente portata a bollitura (circa mezzo litro), aggiungere un cucchiaino di preparato per brodo vegetale, meglio se bio, meglio ancora se preparato in casa con gli scarti della propria vettura, coprire e lasciare andare sino a che gli ingredienti si sono ammorbiditi.
  • A quel punto aggiungere le zucchine, verdura che ha bisogno di meno tempo per cuocere e che sarebbe un peccato strabollire insieme al resto. Altri cinque minuti o poco più sono sufficienti.
  • Quindi spegnere il fuoco (dopo aver verificato se la verdura è pronta per essere frullata). Quindi si interviene con il bamix. Volendo rendere ancor più cremoso il tutto si può aggiungere qualche cucchiaio di panna vegetale (facoltativa).
  • La vellutata si serve anche fredda condita con un giro d’olio evo. Può anche essere arricchita con un trito fresco di erbe aromatiche e/o una manciata di semi misti.

Ricetta di Madela Canepa

Tratta da Riciblog.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here