Conto alla rovescia per la raccolta della Cipolla di Montoro. Si cercano operai appassionati da pagare in natura…

0
294

MONTORO INFERIORE (AV). La storia di un popolo non è narrata solo dai suoi miti o da grandi eventi, essa è altresì composta da tante piccole storie intrecciate tra loro, quotidianità spesso ignorate o sottovalutate. Sono i singoli abitanti della Valle dell’Irno, infatti, ad aver fatto propria la vallata, i monti, le colline e la pianura di questa ricca terra, attraverso il lavoro di tutti i giorni.

Questa fatica si sostanzia nell’attività agricola, che ha la sua massima espressione nella coltivazione della Cipolla Ramata di Montoro, pianta introdotta dai Romani e divenuta parte integrante del territorio.

Un risultato ottenuto lentamente, un lavoro durato generazioni, in cui possiamo riconoscere la mano esperta dei nonni e dei loro padri. Una conquista racchiusa in un nome: Tatillo, nonno appunto, espressione dialettale tipicamente Montorese, scelta per rappresentare tanto la storia della nostra cipolla ramata di Montoro di questa terra quanto quella delle mani che per secoli l’hanno prodotta.

Tra qualche settimana si inizia la raccolta, quest’anno potranno partecipare anche lavoratori/turisti, studenti o chi vorrà anche per necessità (visto i tempi).

Chiunque ne farà richiesta, potrà partecipare alla raccolta. Gli orari sono: 06:00 – 12:00. Programma: ore 05:45 raccolta presso La Masseria (trattoria in Via Sala Montoro Inferiore Loc. S. Felice), un pulmino porterà turisti, studenti o operai attualmente senza lavoro (per questi trattamento da definire anticipato ) nelle aziende agricole dove faranno colazione con: pane, burro e marmellata o miele (prodotti locali) alle 09:30 pausa caffè, alle 12:00 ospiti a pranzo a casa del proprietario dell’azienda o trattoria locale “La Masseria” o “La Cantina dell’Arte” (come per tradizione tutti insieme).

I turisti/lavoratori saranno pagati in natura cioè 20 kg di Cipolla Ramata di Montoro a persona per ogni giornata lavorativa, gli studenti con voucher dell’INPS gli operai che hanno perso lavoro o non hanno lavoro sarà definito con il proprietario l’accordo che dovrà essere anticipato prima dell’inizio della raccolta.

Le cipolle ai lavoratori/turisti verranno spedite all’indirizzo e nelle date concordate con loro dopo l’essiccazione tramite corriere SDA. Se l’idea vi piace scrivete a info@cipollaramatadimontoro.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here