Autunno 2010: il più bagnato dell’ultimo decennio…

0
342

L’autunno 2010 è il più bagnato dell’ultimo decennio con una caduta record di pioggia e neve che ha provocato un aumento di precipitazioni del 22 per cento rispetto alla media. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati dell’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (Isac) del Cnr di Bologna relativi alla differenze relative al periodo di riferimento 1970- 2010.

L’aumento stagionale è dovuto essenzialmente al mese di novembre durante il quale le precipitazioni sono risultate superiori addirittura dell’84 per cento rispetto alla media di riferimento e che si è classificato al quattordicesimo posto per quantità di acqua caduta dal 1800, anno in cui sono iniziate le rilevazioni in Italia.

Il risultato è stata una caduta insolita di neve che ha fatto la gioia degli amanti dello sci, ma anche grandi danni nelle città e nelle campagne per effetto delle alluvioni che hanno colpito vaste aree a nord e a sud dell’ Italia dove pioggia e neve hanno reso inaccessibili almeno un 40 per cento dei terreni per la tradizionale semina autunnale.

Se l’intensificarsi del fenomeno allarma le aree già colpite dalle alluvioni, in campagna è forte la preoccupazione perche nei campi bagnati non si riesce a seminare nei tempi utili per le coltivazioni ed a rischio c’è sopratutto la semina del grano, ma difficoltà si registrano anche per la raccolta delle olive, l’invasatura delle piante nei vivai e lo spandimento dei reflui ad uso agronomico nei terreni nelle zone di allevamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here