AGLIO. 10 (buone) ragioni per portarlo in tavola!

0
275

Se è vero che per trovarlo fresco bisognerà aspettare la primavera, lo è altrettanto che è un elemento importante per la cucina italiana e che siamo abituati ad utilizzarlo nella versione secca.

Dunque, vista la sua disponibilità tutto l’anno, è bene ripassare le tante e buone ragioni per cui non bisogna escluderlo dalla nostra alimentazione quotidiana.

Proviamo a passarle in rassegna!

  1. Si conserva a lungo, basta tenerlo in un luogo fresco ed asciutto.
  2. E’ un potente antibatterico, grazie alla presenza dell’allicina.
  3. E’ un potente antiossidante grazie alla presenza di selenio e vitamine dei gruppi B e C.
  4. E’ un potente disintossicante per il tratto digerente e l’intestino, inoltre, aiutano ad attenuare putrefazioni e gonfiori.
  5. Nello specifico è in grado di abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue e ha un’azione ripulente e detossinante sul fegato e l’apparato digestivo in genere.
  6. Il suo utilizzo, soprattutto se crudo, può aiutarci a combattere ritenzione idrica, di conseguenza cellulite e cuscinetti.
  7. Può essere un valido aiuto per ridurre o eliminare (in taluni casi) il sale. Se fate una bruschetta strofinatelo sul pane ed evitate l’aggiunta di sale, vale lo stesso (strofinandolo sulle pareti dell’insalatiera) se fate un’insalata. Il suo sapore intenso può diminuire la necessità di aggiungerlo.
  8. In Italia si coltiva soprattutto l’aglio bianco, con qualche eccezione tra cui quello di Sulmona o quello di Nubia. Se potete scegliete i rossi, in generale hanno proprietà più spiccate e utili anche in termini nutraceutici.
  9. Se non lo usi perché ti dà noia il suo odore, basta utilizzarlo in camicia per il soffritto!
  10. Se il timore, invece, è l’alito pesante…dopo averlo mangiato puoi masticare una fogliolina di menta, oppure di salvia o qualche chicco di caffè.

 

Volete portarlo in tavola? Ecco qualche idea!

PIATTI D’AUTORE. Ravioloni di ricotta in salsa di noci ed aglio bruciato

PIATTI TIPICI. Gli spaghetti alla San Giovanniello

PIATTI d’AUTORE. Filetto di vitello in crosta d’aglio nero fermentato servito nell’orto

PRIMI. Penne di Gragnano IGP, cime di rapa, aglio di Nubia e alici di Cetara

TORTE SALATE. Quiche d’aglio fresco e carciofi

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here