34 milioni di euro per la castagna IGP campana grazie ad un PIF

0
251

AVELLINO. Grazie al Progetto Integrato di Filiera “The Chestnuts in the world – La Castagna nel Mondo”, strumento di programmazione che punta a potenziare l’intera filiera castanicola dei marchi IGP Campani (Castagna di Montella IGP e Marrone di Roccadaspide IGP) arriva un investimento di 34 milioni di euro per il settore.

Previste azioni di sostegno e valorizzazione della produzione, della trasformazione, della commercializzazione, del marketing e della tutela ambientale, per uno dei prodotti più amati al mondo.

Il progetto è promosso da un forte partenariato denominato “PIF castanicolo IGP campane”. Soggetto capofila del partenariato è la Società cooperativa agricola “Castagne di Montella”, aderenti al PIF sono il Comune di Montella, il Comune di Bagnoli Irpino, la Società agricola cooperativa Sant’Anna di Futani (Salerno) in rappresentanza dell’areale “Marrone IGP di Roccadaspide”, l’ISA CNR – Istituto di Scienze dell’Alimentazione di Avellino, la Provincia di Avellino, l’Associazione castanicoltori campani, la Federazione provinciale Coldiretti di Avellino, la Confederazione italiana agricoltori di Avellino, l’Associazione FAGRI di Avellino, la Raffael SRL di Montoro Inferiore, e la Ingino Surgela Srl di Solofra.

Il progetto rappresenta per l’Irpinia e per la Campania un’occasione impedibile per rilanciare la competitività del settore castanicolo a marchio IGP nel mondo e per conquistare nuovi mercati, in particolare quelli del Nord (Canada, Russia e Nord Europa) attraverso azioni specifiche come l’introduzione sul mercato di prodotti semi-lavorati innovativi e finiti, attività di ricerca finalizzate all’introduzione di nuove tecniche, innovazione dei processi produttivi attraverso la meccanizzazione, miglioramento infrastrutturale delle aree a forte vocazione castanicola, creazione di portali web dedicati, piena e completa tracciabilità delle produzioni, introduzione di tecniche innovative nel processo di trasformazione con la creazione di nuove linee di lavorazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here