18° Gran Premio dei Templi. Roberto Gigantino è il maitre dell’anno per Salerno

0
249

PAESTUM (SA). Successo di pubblico senza precedenti al 18° Gran Premio dei Templi, la gara gastronomica riservata ai maître d’hotel, per determinare il “Maitre dell’Anno 2011”, della provincia di Salerno.

Quest’anno la manifestazione si è tenuta al Minerva Resort Hotel di Paestum, una delle chicche alberghiere della nostra hotellerie, un nuovo quattro stelle dotato di tutti i comfort, gestito dalla famiglia Prearo.

La manifestazione è curata annualmente dall’AMIRA (Associazione Maîtres Italiani Ristoranti e Alberghi) sezione Paestum, l’associazione che raggruppa i maître della provincia. La manifestazione consiste nell’elaborare un piatto “flambé” con in abbinamento un vino. Il tema di questa edizione sono stati i volatili.

I partecipanti dovevano sezionare un volatile, precedentemente cotto in cucina e successivamente dovevano terminare la cottura al “flambé”, lo speciale fornellino da sala utilizzato dai maitre professionisti.

Questa edizione è stata vinta dal maître Roberto Gigantino di Nocera Superiore, che lavora all’azienda “Terra di Vento” di Montecorvino Pugliano. Il piatto che ha presentato è il “Piccione flambé profumato al timo su carpaccio di carciofi” con in abbinamento il Pietraincatenata 2007 di Luigi Maffini.

Il secondo posto è stato conquistato da Maurizio Calabrese del ristorante “Il Granaio dei Casabella” che ha preparato il “Galletto farcito con salsiccia di bufalo e borragine in salsa di mele annurche” assieme all’Urmi 2008, Rosso Paestum Igt di Alfonso Rotolo.

Terzi ex aequo sono stati: Vincenzo Di Donna dell’Istituto Alberghiero di Cava dei Tirreni (Bianco di faraona flambato all’araki con involtino di violetta di Napoli con il Bechàr 2009 Fiano di Avellino Docg di Antonio Caggiano) e Davide Rotondi del “U’Saracino Banquetting” di Agropoli (Anatra al miele di acacia con chicchi di melagrana e supplì di zucca assieme al Bosco Caldaia 2005 Solopaca Rosso doc dell’Antica Masseria Venditti).

La giuria, attentamente selezionata, era composta da: Valerio Beltrami, Cancelliere dei Gran Maestri della Ristorazione, giunto appositamente a Paestum da Verbania; Alberto Capasso, fiduciario Slow Food Vesuvio; Giuseppe Fiorentino, executive chef hotel Minerva; Vito Buccella, titolare Hotel Royal Paestum; Sergio Spiniello, esperto prodotti enogastronomici campani.

Dopo la gara, il fiduciario della locale sezione Amira, Francesco Grippo, coadiuvato dal suo vice Raffaele Daniele che ha anche brillantemente presentato la manifestazione, ha spiegato che lo scopo principale di queste manifestazioni è quello di valorizzare maggiormente la professionalità e l’immagine del maître nel contesto dell’ospitalità italiana. Inoltre, l’Amira Paestum ha voluto premiare la direzione dell’Hotel Minerva e l’executive chef Giuseppe Fiorentino per la preziosa collaborazione; Michele Girardi, Premio Fedeltà 2011, come socio dell’associazione che si è distinto durante l’anno; I Vini del Cavaliere, Premio Fedeltà Sponsor 2011 per essere sempre “presente” alle manifestazioni dell’Amira. A questo punto, il vincitore Gigantino rappresenterà l’Amira Paestum alle semifinali del Concorso Nazionale “Maître dell’Anno 2011” che, grazie al volere dei maître pestani, si terranno a Paestum il prossimo ottobre all’Hotel Royal dove giungeranno professionisti da tutta la penisola per gareggiare e per conquistare l’accesso alla finale che si disputerà il prossimo novembre a Torino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here