Birra artigianale TraMonti. Un progetto territoriale che ben si abbina alla cucina della Costa d’Amalfi

0
699

02 TRA MONTIRAVELLO (SA). Cresce l’attenzione verso le birre artigianali, segmento in cui la qualità è in continua crescita e l’attenzione ai prodotti locali segna una ricercata capacità di creare specifiche e nuove identità.

Difatti, all’interno della seconda edizione del “Corso di aggiornamento professionale per Barman” coordinato da Ivan Stankovic, barman di Villa Cimbrone, presso il Ristorante Da Salvatore, si è tenuta (lo scorso 16 gennaio) una lezione con degustazione presentata dall’esperto Alfonso Del Forno sulle “Birre TraMonti Costa d’Amalfi”.

LA STORIA. Tra la fine del 2012 ed i primi del 2013 Vincenzo Palladino, Francesco Maiorano e Pamela Viggiano, innamorati della propria terra, decisero di cimentarsi in un’idea imprenditoriale quasi per gioco. Iniziarono un viaggio affrontando il lungo percorso, che li condusse alla produzione e commercializzazione di “Birra Artigianale”, tenendo in considerazione i prodotti di Tramonti, loro terra natia.

Scelsero le castagne, ottime per la produzione della birra e seguendo i consigli di un grande produttore e intenditore come Antonio Maiorano, conobbero il mastro birraio Gennaro Cerullo del birrificio toscano Amiata. Mettendo in pratica le antiche tradizioni di mastri birrai di provata esperienza, crearono soddisfatti la prima birra artigianale alle castagne dei monti Lattari Costa d’Amalfi. La storia è affascinate e intrisa di dedizione.

LA DEGUSTAZIONE. La birra rossa alle castagne di Tramonti è un prodotto di ottima qualità: presenta un bel colore caldo, ambrato e con riflessi marroni. Sorseggiandola si percepisce al palato la nota iniziale di caramello e sul finale si sentono le castagne ed i lieviti, avvertendo un piacevole retrogusto amarognolo, tipico delle birre artigianali, nel complesso non troppo amaro.

Ha una gradazione alcolica di 6,5 % alc. vol., gli ingredienti sono castagne di Tramonti al 20%, acqua, malto d’orzo, lieviti selezionati e differenti tipologie di luppoli. E’ una birra che si sposa bene con i piatti tipici della tradizione campana: pizza, piatti a base di legumi, carni alla brace, cinghiale, selvaggina, formaggi stagionati e volendo azzardare perfino pesce azzurro, come le famosissime alici di Cetara. L’etichetta sulla bottiglia, ideata dalla designer romana Francesca Avella, è molto originale in quanto presenta tutti i simboli stilizzati ma significativi della cittadina di Tramonti come: le castagne, il profilo dei Monti Lattari con i castagneti ed il barbagianni.

In alto la birra al farro e alle castagne, in basso la birra rossa alle castagne
In alto la birra al farro e alle castagne, in basso la birra rossa alle castagne

La birra nacque in Mesopotamia, circa 6000 anni fa, nella Mezzaluna fertile, il primo luogo al mondo in cui sono stati coltivati i cereali per sua la produzione…La birra artigianale è quella non pastorizzata, nasce da una selezione accurata delle materie prime, non è un prodotto standardizzato, omologato…”, spiega agli intervenuti Alfonso Del Forno, presidente dell’Associazione Onlus Non solo Glutine, grande degustatore ed esperto di settore.

Un modo per far riflettere sul suo essere un prodotto vivo e poco soggetto all’omologazione a cui ci aveva abituati la birra industriale.
Per l’occasione è stata presentata in anteprima una nuova ricetta del mastro birraio Gennaro Cerullo: una birra freschissima al farro di Tramonti e castagne, che a breve verrà corretta nella gradazione e commercializzata la prossima estate.

La birra prevede tra gli ingredienti il 15% di castagne e l’aggiunta del 5% di farro. Una birra che avrà all’incirca  5% alc. vol., piacevole al palato, di colore giallo dorato, con sentori di castagne affumicate del monaco (meglio note come castagne del prete) e fieno, ideata per un pubblico giovane e per invitanti aperitivi.

Francesco Maiorano, titolare della Trattoria San Francesco a Tramonti, imprenditore e produttore delle birre TraMonti Costa d’Amalfi, proseguendo nel discorso asserisce: “Con mia moglie Pamela, in una sera d’inverno di qualche anno fa, per amore del nostro territorio, iniziammo a pensare ad un brand, ad una birra alle castagne, frutto che nasce spontaneo a Tramonti, ricco di proprietà organolettiche e dalle molteplici caratteristiche nutritive. La conoscenza delle birre alle castagne in Campania non è diffusa…
03 TRA MONTICome accompagnamento alle due degustazioni, sono stati serviti a buffet prodotti della gastronomia del territorio, tra cui salumi, latticini, una delicatissima insalata di farro e delle fette di pane con olio aromatizzato allo sfusato amalfitano

Le birre TraMonti Costa d’Amalfi sono prodotti particolari e da veri intenditori, il giudizio è positivo, il voto rasenta la lode. Queste di sicuro sono grandi soddisfazioni per i produttori, che con sacrifici ed impegno cercano di portare ai massimi livelli le eccellenze di un piccolo territorio, cosi variegato e peculiare, come quello di Tramonti e della Costa d’Amalfi.

 

Annamaria Parlato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here