VALNERINAState cercando un luogo tranquillo e rilassante dove trascorrere qualche giorno in totale relax, coccolati da paesaggi verdeggianti e percorsi fluviali incantevoli?

La risposta alle vostre esigenze potrebbe trovarsi in Valnerina, una pacifica zona nel cuore dell’Umbria, attraversata dal fiume Nera.

Tradizioni, paesaggi mozzafiato e storia si intrecciano mirabolmente, pronti a regalarvi un’esperienza unica.

Ma non solo, perché quando si parla della Valnerina non possono restare sottotraccia le deliziose tradizioni eno-gastronomiche che rendono indimenticabile questo posto. Meta ideale soprattutto per chi ama avventurarsi con il proprio fuoristrada attraversando strade poco battute dal trambusto quotidiano.

Una tendenza che trova ampie conferme negli ultimi anni, grazie anche al supporto offerto da portali di compravendita specializzati come Autoscout24, nei quali è possibile acquistare una 4×4 a prezzi vantaggiosi, come la famosissima Jeep Cherokee, direttamente dal proprio dispositivo portatile e con pochi semplici click.

La Valnerina è una delle zone italiane più rinomate per la presenza del cosiddetto ‘diamante nero’ ovvero il tartufo.

Presso il borgo di Scheggino si potrà visitare infatti una delle prime aziende che hanno fatto della lavorazione e della conservazione del tartufo la loro specialità.

LAGO DI PIEDILUCOTra i siti più affascinanti non si può escludere il lago di Piediluco, che si estende in tutta la sua bellezza in mezzo al verde della natura.

Un luogo ideale per ritrovare pace e serenità, tanto che è stato scelto dai canottieri azzurri per le loro esercitazioni in quanto il passaggio di imbarcazioni a motore è praticamente assente.

Un altro luogo da visitare assolutamente è il complesso sotterraneo delle Grotte dei Campacci, che si sviluppa sotto l’altopiano da cui passa il fiume Velino che si ‘tuffa’ a svariati metri d’altezza originando delle meravigliose cascate.

Proprio la presenza di tanti corsi d’acqua e delle cascate attira ogni anno centinaia di appassionati di rafting, sempre alla ricerca di nuove avventure. La sensazione descritta dai visitatori è quella di una esperienza fuori dalla realtà quotidiana, in una sorta di bolla a-temporale nella quale l’unico rumore persistente è quello dello scorrere dell’acqua.

Gli appassionati di storia antica troveranno irresistibile il borgo di Ferentillo, ben visibile grazie alla doppia cortina di mura laterali ai lati della valle che scendono fino al paese.

E’ proprio qui che si trova il Museo delle Mummie, posizionato al di sotto della chiesa di Santo Stefano, risalente al 1300. Al suo interno vengono custoditi decine di corpi ancora intatti di abitanti vissuti fino al diciannovesimo secolo, in virtù di un microrganismo presente nelle rocce del cimitero che ne impedisce al decomposizione.

E ora passiamo alle buone forchette, che da queste parti avranno tanti motivi per rimanere soddisfatti sotto tutti i punti di vista.

Le specialità della zona non si esauriscono certo con il tartufo nero, ma comprendono trote, gamberi, formaggi, insaccati di maiale, cacciagione e agnello. Il tutto in ottica ‘chilometro zero’ dal momento che qualsiasi prodotto consumato nella valle proviene da allevamenti o coltivazioni presenti nei paraggi.

SCHEGGINOSe poi la paura di prendere qualche chilo di troppo nel corso della vacanza comincia a ronzare nell’orecchio come una fastidiosa zanzara, è possibile praticare dello sport presso il centro di attività outdoor di Scheggino.

Ogni giorno vengono organizzate delle bellissime uscite di rafting, canoa, torrentismo, trekking e mountain bike che oltre a regalarvi un’esperienza fuori dal comune potranno rimettere a posto la vostra coscienza dopo l’eventuale scorpacciata del giorno prima.

Ma le possibilità non finiscono qui: dal Castelluccio di Norcia, famosa per la spettacolare fioritura delle lenticchie, all’abbazia dei Santi Felice e Mauro, con degli spettacolari affreschi ancora intatti seppur segnati dallo scorrere del tempo. Infine una menzione particolare va riservata ai prezzi: soggiornare, mangiare e godersi la Valnerina è possibile senza dilapidare le fatiche di mesi di lavoro.

I costi dei prodotti tipici sono contenuti così come le attività di gruppo, per una vacanza a misura d’uomo e soprattutto di portafogli.

Francesco Campi

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here