TERRA DI VENTO: non solo viniApre un centro agrituristico, l’inaugurazione per San Martino in Cantina

0
136

MONTECORVINO PUGLIANO (SA). Domenica 14 Novembre 2010 dalle ore 10 in poi, in occasione della terza edizione di San Martino in Cantina, l’azienda agricola Terra di Vento farà

conoscere e sperimentare ai visitatori le tante attività del neonato agriturismo.

Quest’azienda a ciclo biologico chiuso, 70 ettari a 200 metri sul livello del mare nel territorio Macchia Morese nel cuore del Parco dei Monti Picentini, tra lo splendido golfo di Salerno e le dolci colline salernitane, nasce nel 2005 per opera di Roberto Nicodemo, imprenditore edile e appassionato agricoltore, di sua moglie Marialuisa Zottola e dei loro figli che la gestiscono con grande passione ed entusiasmo.

Tutela, promozione e valorizzazione del territorio attraverso i prodotti dell’azienda: questi gli obiettivi di Roberto Nicodemo nei cui occhi brilla l’amore per la propria terra, quella scintilla che anima da sempre il suo progetto; il concetto “Buono, pulito e giusto” formulato da Carlo Petrini è diventato la vera e propria mission della sua azienda: qui l’agricoltura biologica non è solo un metodo produttivo ma anche il mezzo per esaltare le caratteristiche e il gusto dei prodotti e delle varietà locali nel rispetto dei diritti dei lavoratori e nell’ottica della tutela dell’ambiente e del diritto delle future generazioni ad un pianeta ecosostenibile.

L’azienda, infatti, è caratterizzata da totale autonomia energetica grazie a un impianto fotovoltaico a 20 KW con emissioni zero.

Per fare questo la famiglia Nicodemo mette in pratica il principio di filiera corta: si può assistere ai processi produttivi, si possono assaggiare e acquistare i prodotti dell’azienda, tutti biologici con certificazione ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), nell’apposita sala degustazione e vendita, si può visitare la cantina e fare un tour tra i vigneti.

Qui si produce l’olio DOP Colline di Salerno Settebocche ottenuto dalle cultivar Rotondella e Frantoio, tre vini, il rosso a base Aglianico Petrale, il rosato da uva Aglianico, Tecla Madre, e il bianco a base Fiano Faiano, tutti classificati IGT Colli di Salerno, marmellate di limoni e arance e olive sott’olio.

Tutti questi prodotti sono garanzia di massima qualità e della capacità di esprimere l’assoluta tipicità del territorio grazie al clima mite e soleggiato, ai terreni calcareoargillosi, alla presenza di piante nel pieno del loro ciclo vitale, alla grande attenzione a limitare le rese per ettaro, a un’innovazione attenta alla manualità durante tutte le fasi della vinificazione e produzione e al costante spirare del vento che rinfresca le uve d’estate ed evita l’insorgere di muffe indesiderate.

Terra di Vento ospita anche tante altre interessanti iniziative come eventi d’arte contemporanea nel contenitore culturale “Opus”, corsi e convegni.

Chi desidera trascorrere più giorni potrà usufruire di un Bed & Breakfast comprendente 7 appartamenti dotati di ogni comfort di cui uno attrezzato per i disabili; per il pranzo o la cena ci si potrà fermare all’Osteria dell’azienda, prima ubicata nel centro di Faiano, dove si propongono sapori del territorio e della tradizione, piatti semplici alleggeriti nella presentazione e a volte anche nelle tecniche di cottura preparati per lo più con prodotti aziendali che cambiano a seconda delle stagioni.

Gli amanti dei cavalli troveranno un Centro Ippico con pensione per cavalli, doma e addestramento, nonché possibilità di trekking, preparazione all’agonismo e scuola di equitazione. Nella Fattoria Didattica i bambini della scuola materna, elementare e media potranno conoscere gli animali, l’origine del cibo e il lavoro dell’agricoltore e dell’allevatore.

Nel “Museo del cavallo e della tradizione contadina” si potranno ammirare i vecchi attrezzi usati per l’allevamento dei cavalli e si potranno conoscere le tradizioni della vita rurale, patrimonio di straordinaria importanza.

Infine da Terra di Vento si potrà anche partire alla scoperta e riscoperta delle bellezze naturalistiche e culturali del territorio circostante come il Museo Nazionale dell’Agro Picentino e il Parco Archeologico di Pontecagnano Faiano, le Grotte di S. Michele ad Olevano, il borgo antico di Sieti (IX-XIV sec.) a Giffoni Sei Casali e l’Osservatorio Astronomico di Montecorvino Rovella.

 

 

***L’ingresso è libero. L’uscita autostradale è Pontecagnano Sud, la seconda dopo Salerno in direzione Reggio Calabria. All’ingresso del paese seguire l’indicazione a sinistra per Faiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here