Nuovi studi. Le mandorle migliorano gli indici di salute vascolare

0
152

Per decenni i ricercatori hanno indagato su come il consumo di mandorle possa favorire la salute del cuore. Ora c’è una nuova scoperta. In uno studio appena pubblicato, consumare mandorle come spuntino ha migliorato la funzione endoteliale, che è un indicatore chiave della salute vascolare.

Inoltre, il consumo di mandorle al posto di un classico snack ha anche ridotto il colesterolo LDL “cattivo”, un dato coerente con le ricerche precedenti. Lo studio è stato finanziato da Almond Board of California.

Lo studio si è svolto sotto la forma di un controllo randomizzato di 6 settimane, a braccio parallelo, in cui i partecipanti (con rischio di malattia cardiovascolare superiore alla media) hanno consumato mandorle o uno snack di controllo di pari calorie, equivalenti al 20% del fabbisogno energetico giornaliero stimato di ciascun partecipante.

Il team di ricerca ha quindi confrontato i marker di salute cardiometabolica tra i due gruppi. È emerso che il gruppo mandorle, rispetto al gruppo di controllo, aveva visto crescere la vasodilatazione endotelio-dipendente di un aumento unitario del 4% (misurato attraverso dilatazione mediata dal flusso o FMD), che è un importante predittore dell’inizio e della progressione dell’aterosclerosi. Il miglioramento dell’FMD significa che le arterie possono dilatarsi più facilmente in risposta all’aumento del flusso sanguigno, un forte indicatore di salute cardiovascolare.

I livelli di colesterolo LDL sono diminuiti nel gruppo mandorle rispetto al gruppo di controllo. Non sono stati rilevate differenze tra i due gruppi nel grasso nel fegato e diverse altre misure (trigliceridi, colesterolo HDL, glucosio, insulina e altri).

Questo studio mostra che mangiare mandorle al posto degli snack tipici che molti di noi consumano (come patatine, biscotti e pasticcini) è benefico per la salute del nostro cuore, riducendo i livelli di colesterolo LDL cattivo e migliorando la salute delle nostre arterie. Sulla base dei dati esistenti sul rischio di malattie cardiovascolari, prevediamo che la sostituzione di snack tipici con mandorle, a lungo termine comporterebbe una riduzione del 30% del rischio relativo corretto di un evento cardiovascolare“, ha affermato il dott. Wendy Hall, PhD, co- ricercatore principale e Reader in Scienze nutrizionali presso il King’s College di Londra.

Il rischio relativo corretto è la probabilità che un evento accada a una persona rispetto a un’altra persona che non si impegna nella prevenzione delle malattie, ad esempio attraverso un cambiamento nella dieta.

Al di là della scoperta relatvia all’FMD nel gruppo di mandorle, lo studio ha adottato un approccio innovativo al cibo di confronto utilizzato in questo studio. I ricercatori hanno sviluppato un alimento di controllo che è stato accuratamente equiparato in termini di grassi e zuccheri (14% di energia da grassi saturi e 23% di energia da zucchero) per riflettere uno snack tipico del Regno Unito (esclusi i frutti), così come emergono dalla UK National Diet and Nutrition Survey (NDNS). Questo spuntino comparativo neutro ha contribuito a determinare che le mandorle, e nient’altro, erano responsabili dei cambiamenti benefici negli indicatori di salute.

Questo studio segue di poco la pubblicazione di una ricerca della Tufts University che ha osservato nei consumatori di mandorle una riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare, tra cui colesterolo LDL, colesterolo totale, peso corporeo e Apolipoproteina B (noto anche come Apo-B, la principale proteina presente nel colesterolo LDL nocivo).

Il miglioramento di questi parametri ha determinato una riduzione del costo medio di assistenza sanitaria per il trattamento delle MCV. Lo studio ha concluso che consumare 42,5 grammi di mandorle al giorno rispetto al non mangiarne può aiutare a ridurre i costi sanitari associati alle malattie cardiovascolari nella popolazione statunitense[2].

Le MCV hanno comportato per il sistema sanitario italiano un costo pari a 21 miliardi di euro nel 2018 tra costi diretti e indiretti. Di questi, 16 miliardi di euro (54%) provenivano dai costi diretti dell’assistenza sanitaria.

Lo studio in breve

“Le mandorle per la salute vascolare”

Questo studio di intervento dietetico parallelo randomizzato e controllato ha analizzato gli effetti del consumo di mandorle sui fattori di rischio cardiometabolico negli adulti con rischio di CVD superiore alla media.

Lo studio ha esaminato l’impatto delle mandorle rispetto a un alimento di controllo progettato per fornire lo stesso numero di calorie e una composizione in termini di carboidrati / grassi / proteine uguale a quella mediamente assunta attraverso lo snack dalla popolazione adulta del Regno Unito.
Adulti di età compresa tra 30 e 70 anni (n = 51 nel gruppo di mandorle, n = 56 nel gruppo di controllo) hanno consumato il 20% del proprio fabbisogno calorico sotto forma di mandorle intere tostate o di un alimento di controllo per 6 settimane. Sono stati misurati i fattori di rischio cardiometabolico, tra cui la funzione endoteliale (dilatazione flusso-mediata), grasso nel fegato, lipidi nel sangue compresi livelli di colesterolo e trigliceridi, glucosio, insulina, resistenza all’insulina, ormoni correlati all’obesità e regolazione della glicemia (leptina, adiponectina, resistina), e altri noti fattori di rischio CVD.
Prima di iniziare lo studio, è stato condotto uno studio di 3 settimane per garantire che il cibo di controllo avesse un effetto neutro su lipidi, pressione sanguigna e peso corporeo / composizione.

Risultati

I risultati mostrano che la sostituzione di snack tipici con mandorle può migliorare la funzione endoteliale, la funzione autonomica cardiaca e ridurre i livelli di colesterolo LDL.
Mandorle, rispetto al controllo, aumento della vasodilatazione endotelio-dipendente (differenza media 4,1% unità di misura, IC 95% 2,2, 5,9).
Le concentrazioni plasmatiche di colesterolo LDL sono diminuite nel gruppo di mandorle rispetto al controllo (differenza media -0,25 mmol / L, IC al 95% -0,45, -0,04).
Il parametro di variabilità della frequenza cardiaca a fase lunga, potenza a bassissima frequenza, è aumentato durante la notte dopo il consumo di mandorle rispetto al controllo (differenza media 337 ms2, IC 95% 12, 661), indicando una maggiore regolazione parasimpatica.
Sulla base dei dati aggregati provenienti da studi di coorte, è prevedibile che i cambiamenti osservati in questa popolazione sana a seguito della sostituzione per 6 settimane dei normali snack con mandorle, se sostenuti a lungo termine, potrebbero portare a una riduzione del rischio relativo corretto di avere un evento cardiovascolare del 32% nelle popolazioni senza patologie cardiovascolari preesistenti rispetto a una popolazione simile che non ha sostituito i loro snack con le mandorle.
Non ci sono state differenze nel grasso del fegato tra i gruppi. Inoltre, non c’erano differenze di gruppo in trigliceridi, colesterolo HDL, glucosio, insulina, insulino-resistenza, leptina, adiponectina, resistina, enzimi di funzionalità epatica, fetuin-A, composizione corporea, grasso pancreatico, lipidi intramiocellulari, acidi grassi a catena corta fecale, pressione arteriosa o variabilità della frequenza cardiaca nelle 24 ore. Il colesterolo non HDL è diminuito nel gruppo di mandorle e il colesterolo HDL è rimasto stabile.

Limitazioni:

Limiti dello studio sono dovuti ad alcune differenze tra i gruppi nei fattori di rischio di malattia cardiometabolica al basale. Lo squilibrio nel reclutamento per sesso potrebbe significare che i risultati potrebbero non essere applicabili agli uomini, in quanto costituivano solo il 30% della popolazione studiata randomizzata.

Inoltre, i partecipanti erano liberi e, sebbene sia stata confermata la compliance rispetto alle mandorle, è possibile che ci siano potenziali imprecisioni nella loro assunzione di cibo.

Conclusioni:

Il grado di miglioramento della funzione endoteliale e dei livelli di colesterolo LDL suggerisce che la sostituzione di snack tipici con mandorle (pari al 20% delle calorie totali, equivalenti a circa 2,5 porzioni o 70 grammi) ha il potenziale per ridurre il rischio relativo di CVD corretto del 32%.

La sostituzione di snack tipici con mandorle può avere un impatto positivo sull’assunzione giornaliera di nutrienti e potenzialmente svolgere un ruolo nel miglioramento della salute cardiovascolare.

Questo nuovo studio supporta anni di ricerca su mandorle e salute del cuore, tra cui una revisione sistematica e una meta-analisi[4], nel fornire ulteriori prove per includere le mandorle nei piani alimentari per la salute cardiovascolare. Le mandorle forniscono fibra (12,5 / 3,5 g per porzione da 100 g / 28 g) e 15 nutrienti essenziali tra cui (per porzione da 100 g / 28 g): magnesio (270/76 mg), potassio (733/205 mg) e vitamina E (25,6 / 7,2 mg).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here