Natale 2012? All’insegna delle tre R: ridurre, riusare, riciclare (regali inclusi)

0
349

Il Natale che sta per avvicinarsi sarà ricordato per le sue tre R: ridurre, riusare, riciclare. Riusare, richiama al boom del baratto, quello scambio che aiuta a combattere gli sprechi e ridà vita alle cose magari sotto la luce di un nuovo proprietario. La seconda tendenza è il riciclo, inteso come dare una nuova vita ai regali, senza sensi di colpa. In molti stati americani si celebra “il National regifting day”,che in Colorado è persino una festa ufficializzata dallo Stato.

L’appuntamento americano è per il terzo giovedì del mese di dicembre. La riduzione dei consumi è in linea con i nuovi stili di vita che si stanno facendo strada per affrontare la tempesta della recessione. Il Censis ha battezzato il Natale 2012 l’e-consumatore competente. E’ l’italiano che si adatta in tempi di grande crisi, rivede le priorità degli acquisti e dei bisogni e, innanzitutto sfrutta tutte le potenzialità della rete per risparmiare e non sprecare.

Un esempio? Quasi il 15 % delle famiglie italiane ha deciso di cogliere l’opportunità di comprare beni (non solo alimentari) e servizi (compresi quelli nuovi come il car sharing) attraverso l’iscrizione a gruppi di acquisto online. E si tratta di consumatori che mettono al primo posto, nelle valutazioni necessarie prima di decidere un acquisto, la chiarezza dell’informazione sulla provenienza della merce, un altro elemento favorito dal boom degli scambi sul web.

Con questo profilo l’e-consumatore competente si presenta  all’appuntamento con  un Natale che si preannuncia sobrio, parsimonioso e con meno risorse sul tavolo. Quanto alle nuove tendenze, il Natale 2012 sarà ricordato dunque così… Milioni di italiani, nei giorni scorsi, hanno partecipato al mercato del baratto organizzato dalla Coldiretti e sul web spopolano i siti dedicati proprio allo scambio, senza contropartite monetarie.

Tutto è molto semplice: si clicca la propria città, il proprio quartiere e la strada, e di certo c’è qualcuno che, a due passi, è pronto a barattare qualcosa. La percezione del riciclo si è completamente capovolta negli ultimi tempi: fino a qualche anno fa solo il 6% degli italiani ammetteva di riciclare i regali, oggi l’83% non si sente offeso se riceve un regalo di seconda mano. Il cambiamento degli stili di vita passa anche per gesti semplici, ieri considerati poco opportuni, oggi necessari.

Maria Rosaria Mandiello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here