Le bollicine italiane? Si stappano in Russia

0
229

Con un aumento record del 41 per cento nelle esportazioni di bottiglie di spumante la Russia si classifica al quarto posto tra i principali consumatori delle bollicine italiane, dopo Germania, Stati Uniti e Regno Unito.

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento alle notizie sull’acquisto del prestigioso marchio italiano Gancia da parte dell’oligarca Rustam Tariko, proprietario della banca e della vokda Russki Standard.

Si stima che a fine anno saranno almeno 25 milioni le bottiglie di spumante italiano consumate in Russia dove particolarmente apprezzati sono il Prosecco e l’Asti. La Russia è tra i grandi paesi quello in cui si è verificato il maggior incremento delle vendite di spumante italiano le cui esportazioni sono aumentate nel mondo del 25 per cento per effetto di un incremento del 33 per cento negli Usa, del 7 per cento in Germania e del 24 in Inghilterra.

Dopo che ad aprile 2011 era avvenuta la cessione della Parmalat al gruppo francese Lactalis, l’agroalimentare italiano si conferma ancora una volta un’appetibile terra di conquista per gli stranieri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here