La Nestlè ritira alcuni prodotti in Italia. Lo scandalo “carne di cavallo” si allarga…

0
308

FINDUSSi allarga lo scandalo della carne di cavallo venduta come manzo. Scoppiata come un fulmine a ciel sereno in Gran Bretagna con alcuni prodotti Findus, ora si allarga al mercato italiano. La multinazionale svizzera, Nestlè, una delle più grandi aziende di prodotti alimentari del mondo, ha ritirato dal mercato italiano e spagnolo i “ravioli di brasato” (Buitoni) e “i tortellini di carne”.

La decisione è nata in seguito a dei test effettuati suoi dei prodotti di filiera. Dalle analisi, infatti, sono emerse tracce di Dna di cavallo, pari ad una percentuale dell’1%. Per l’azienda, “non esiste alcun problema di sicurezza alimentare”, ma l’errata etichettatura dei prodotti comporta il mancato rispetto degli standard elevati, che in consumatori si aspettano dall’azienda Nestlè.

“Per questo la multinazionale ha deciso di ritirare volontariamente e immediatamente dalla vendita in Italia e in Spagna due prodotti a base di pasta congelata che sostituiremo con prodotti che i test del Dna confermeranno composti al 100% da carne di manzo”.

Eppure, appena una settimana fa, la Nestlè aveva dichiarato che i propri prodotti a base di manzo non contenevano alcuna traccia di carne di cavallo. Nel frattempo cerca di rimediare allo scandalo, rafforzando i controlli di qualità con nuovi test, per cercare di assicurare la qualità e la sicurezza dei prodotti, da sempre una priorità.

L’azienda, inoltre, si scusa con i consumatori assicurando che gli alti standard si tradurranno in una rafforzata tracciabilità. Il dilagare dello scandalo della carne di cavallo presente all’interno delle lasagne e degli hamburger, ha spinto l’Unione Europea a scendere in campo e ad approvare una raffica di test su carne di manzo per verificarne la composizione.

Test rispetto ai quali l’Italia, che risulta essere il primo consumatore di carne di cavallo in Europa, si è espressa contrariamente, mentre in tutta Europa sono partiti controlli serrati e continui test. Nel frattempo i consumatori hanno dichiarato da recenti sondaggi di non acquistare più carne congelata o surgelata. Insomma, la fiducia sta venendo meno.

Maria Rosaria Mandiello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here