Appartenenti alla famiglie delle Brassicaceae (o Cruciferae), i broccoli sono ormai considerati dei superfood grazie alle loro innumerevoli proprietà benefiche per il nostro organismo.

Possono essere mangiati crudi ad insalata, magari tagliati finemente, oppure cotti; in questo caso si consiglia di cuocerli per pochi minuti, in modo da non disperdere nell’acqua di cottura i loro nutrienti.
Ai broccoli ed agli componenti della famiglia sono state attribuite proprietà antitumorali, grazie alla presenza del sulforafano, una sostanza che si ritiene svolgere un’azione protettiva nei confronti di diverse forme di cancro.

Inoltre questi vegetali sono molto ricchi di fibre, grazie alle quali aumenta il senso di sazietà, viene favorito il transito intestinale e rallentato l’assorbimento di zuccheri e grassi del pasto.
Tra i micronutrienti presenti nei broccoli è bene citare la vitamina C, potentissimo antiossidante, la vitamina K, che favorisce la coagulazione del sangue, e la vitamina B9, meglio conosciuta come acido folico, fondamentale per la crescita dei tessuti e per evitare malformazioni fetali.

Sono inoltre presenti luteina e zeaxantina, fondamentali per la salute degli occhi, oltre che calcio, fosforo e potassio.
Insomma, i broccoli sono un vero e proprio toccasana per la nostra salute. Li avete mai provati come pesto?

Per 4 persone:
• 400g di pasta circa (o secondo le proprie quantità)
• Una cima di broccolo barese
• 50g di anacardi
• 40g di parmigiano reggiano
• Olio evo
• Sale
• Pepe (facoltativo)
• Uno spicchio di aglio

Procedimento:
Lavare e tagliare il broccolo in tante piccole cimette. In una padella con olio evo far scaldare uno spicchio di aglio e poi aggiungervi i broccoli. Dopo qualche minuto aggiungere un pochino di acqua e coprire con un coperchio.

Una volta pronti, eliminare l’acqua in eccesso e frullare con minipimer broccoli, un pizzico di sale, parmigiano anacardi ed un cucchiaio di olio.

Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolarli al dente, mantecarli in padella insieme al pesto precedentemente ottenuto e gustare caldi.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here