Il vino: l’Italia cresce. Si attendono i dati della vendemmia

0
214

L’Italia si appresta a diventare il primo produttore mondiale di vino se sarà confermato il sorpasso sulla Francia nella vendemmia 2010 grazie una produzione nazionale in  aumento fino al 5 per cento rispetto allo scorso anno, su valori superiori a 47,5 milioni di ettolitri contro i 47,3  milioni di ettolitri previsti per i cugini d’oltralpe da Franceagrimer.

E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che si tratta di un risultato importante per un settore dove trovano oggi opportunità di lavoro 1,2 milioni di persone impegnate direttamente in vigne, cantine e nella distribuzione commerciale, ma anche in attività connesse e di servizio, con ogni grappolo raccolto in campagna che è in grado di attivare ben 18 diversi settori, secondo una analisi della Coldiretti.

Lo scorso anno il raccolto francese è stato pari a 46,7 milioni di ettolitri superiore a quello italiano fermo a 45,4 milioni di ettolitri, secondo l’Istat. Il successo del vino italiano fa infatti crescere anche le attività indotte che si sono estese negli ambiti più diversi: dall’industria vetraria a quella dei tappi, dai trasporti alle assicurazioni, da quella degli accessori, come cavatappi e sciabole, dai vivai agli imballaggi, dalla ricerca e formazione alla divulgazione, dall’enoturismo alla cosmetica e al mercato del benessere, dall’editoria alla pubblicità, dai programmi software fino alle bioenergie ottenute dai residui di potatura e dai sottoprodotti della vinificazione. 

In Italia ci sono 250mila aziende agricole con vigneti che offrono occupazione a circa 200mila lavoratori dipendenti, dei quali 20mila extracomunitari: nel solo distretto di Montalcino lavorano immigrati di 44 diverse nazionalità. Di queste ben 21.600 aziende agricole vendono direttamente il proprio vino ai consumatori mentre le altre lo cedono alle 35mila aziende imbottigliatrici presenti in Italia che impiegano operai, agronomi, enologi, responsabili di marketing, informatici e wine manager.  Sono però anche le attività legate all’indotto meno tradizionali ad avere avuto una vera esplosione negli ultimi dieci anni con la nascita del fenomeno dell’enoturismo che ha realizzato nel 2009 un fatturato di 1,8 miliardi di euro “muovendo” sei milioni di turisti con un incremento del 20%, anche grazie a 150 strade del vino e oltre 500 città del vino.

Il vino ha raggiunto un fatturato superiore ai 9 miliardi di euro dei quali 3,5 realizzati grazie all’esportazione sui mercati comunitari ed internazionali.

I NUMERI DEL VINO

·         Lavorano a 1,2 milioni di persone

·         250mila aziende agricole

·         200mila lavoratori agricole stagionali

·         Oltre 20mila lavoratori immigrati: nel solo distretto del Montalcino lavorano persone di 44 nazionalità diverse

·         35mila aziende imbottigliatrici

·         21600 aziende agricole che vendono direttamente il vino

·         fatturato di 1,8 miliardi di euro per l’enoturismo nel 2009 che “muove” sei milioni di turisti con un incremento del 20 %, anche grazie a 150 strade del vino e oltre 500 città del vino

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati vari

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here