TAZZINA CAFFE'Gusto, sapore e innovazione si sposano in un’idea singolare ed originale per bere il caffè: la cookie cup, la tazzina commestibile di Lavazza. La nuova tazzina commestibile, lanciata da qualche mese nei bar, secondo l’azienda farebbe risparmiare sull’acqua normalmente utilizzata per lavare le tazzine, oltre che a far felici, quelli che insieme al caffè non rifiutano un dolce per accompagnarlo ed esaltarne il sapore.

Nata da un’idea dello stilista venezuelano Enrique Luis Sardi, la tazzina è un incrocio tra un cono gelato e il biscotto, ricoperta da uno strato di zucchero a velo che funge da isolante rendendo impermeabile il bicchierino e dolcificandolo al tempo stesso.

L’idea si rifà al cucchiaino di cioccolato che sta diventando d’uso comune in molti bar, in cui il cioccolato si fonde al caffè rendendo più gustoso l’espresso e ciò che rimane del cucchiaino si può mangiare. Lavazza per la sua idea originale ed ecosostenibile ha ricevuto molti premi in campo ecologico e del marketing. L’idea che ha una strategia di marketing, ha unito le forze del designer Sardi e del pasticcere Lello Parisi, che ha fuso il biscotto per esaltare il gusto del caffè espresso subito dopo averlo bevuto. La pasta frolla è resa più consistente rispetto alla ricetta tradizionale, viene modellata e cotta in particolari stampi a forma di tazzina col marchio Lavazza.

L’interno viene rivestito da una speciale glassa di zucchero affinché la tazza possa sopportare l’alta temperatura del caffè espresso durante il consumo. In questo modo la tazzina può essere realmente mangiata, come se fosse un biscotto, una volta che si finisce di sorseggiare il caffè.

Questa creazione non è solo un’idea bizzarra ma anche un utile sistema per evitare di buttare via una quantità enorme di tazzine di plastica o di dover lavare ogni volta la tazzina, con una considerevole riduzione dell’impatto ambientale in entrambi i casi. Inoltre, unisce anche il gusto e la curiosità di molti. Forse non terrà a bada le calorie, ma per il resto è promossa!

Maria Rosaria Mandiello

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here