Giugno 2012, il più secco degli ultimi due secoli. 70% di piogge in meno

0
265

Il grande caldo è stato accompagnato dalla caduta del 70 per cento di pioggia in meno rispetto alla media che ha provocato una preoccupante siccità nelle campagne in molte aree del Paese. E’ la Coldiretti nell’evidenziare l’anomalia che classifica il mese di giugno al quarto posto tra i più secchi degli ultimi due secoli secondo le rilevazioni Isac-Cnr.

L’intera primavera è stata piuttosto siccitosa con il 6 per cento di precipitazioni in meno, rispetto alla media del periodo di riferimento 1970-2000 anche se il livello dei laghi al nord è ancora nella media, ma nel centro Italia e nelle regioni settentrionali ci sono situazioni preoccupanti.

Soprattutto nel nord est è allarme per le scarse precipitazioni registrate nei mesi scorsi che hanno impedito l’accumulo di riserve idriche a monte. Il risultato è che nelle campagne le piante soffrono per la mancanza di acqua e il grande caldo. 

Sopra i 30 gradi vanno in stress anche le piante di pomodoro che non riescono più a lavorare e si fermano, nonostante l’irrigazione che non riesce a sopperire neanche al fabbisogno idrico delle coltivazioni di granoturco che al nord hanno cominciato ad appassire.

Le coltivazioni in questa fase stagionale si trovano in un momento critico di sviluppo e hanno bisogno dell’acqua per completare il ciclo produttivo. Infatti la perdita di acqua delle piante e del terreno, la cosiddetta evapotraspirazione, con le temperature bollenti di questi giorni ha raggiunto livelli che si registrano normalmente a fine luglio/agosto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here