FRUIT LOGISTICA 2011: bilancio positivo per la Coldiretti SalernoIn visita anche Galan

0
254

SALERNO. La missione a Berlino in occasione della Fruit Logistica 2011, ha raggiunto gli obiettivi prefissati, moltissimi infatti sono stati i contatti commerciali che hanno caratterizzato i tre giorni di presentazione dell’agroalimentare Made in Salerno.

Oltre 240 metri quadri occupati da 14 tra Organizzazioni di Produttori e imprese singole riunite sotto l’egida della Camera di Commercio di Salerno che in stretta collaborazione con la Coldiretti salernitana ha organizzato la collettiva presso la più importante fiera della logistica agroalimentare del mondo.

Fruit Logistica di Berlino rappresenta il centro del commercio ortofrutticolo internazionale, unica al  mondo nel suo settore,  non esiste occasione migliore e fruttuosa per conoscere i trend più attuali del business ortofrutticolo internazionale e per incontrare i top decision-maker.

I visitatori della fiera di quest’anno sono stati oltre 60.000 provenienti da 120 diverse nazioni, una occasione unica per l’agroalimentare salernitano per incontrare buyer e contatti commerciali delle più grandi catene di distribuzione mondiali.

La delegazione salernitana guidata da Pietro Caggiano – Presidente della Coldiretti provinciale – Luigi Scorziello, Aniello Ascolese, Vito Busillo nelle loro cariche di Consiglieri Camerali accompagnati dal dr. Innocenzo Orlando direttore dell’azienda speciale Intertrade ha saputo proporre in numerosi momenti e presentazioni l’offerta del paniere dell’agroalimentare salernitano, l’eccellenza del fresco, della terza e della quarta gamma proponendo la qualità, l’origine, la sicurezza alimentare dei prodotti made in Campania.

Caggiano ha accompagnato la visita del Ministro delle Politiche Agricole Giancarlo Galan che visitando lo stand della collettiva salernitana ha espresso parole di compiacimento per la capacità di rappresentare la provincia salernitana sui mercati esteri, Caggiano ha ricordato al Ministro Galan che la provincia di Salerno rappresenta la prima area in Europa per la produzione di quarta gamma con oltre tremila ettari di serre dedicate alla produzione intensiva di ortaggi e frutta.

A Galan Caggiano ha voluto ricordare i danni derivanti dall’alluvione dello scorso novembre, richiedendo specifici interventi che consentano la messa in sicurezza degli argini e dell’assetto idrogeologico della Piana del Sele, dell’Agro Nocerino Sarnese e del Vallo di Diano. Il ministro Galan ha poi voluto visitare i singoli stand delle O.P. ortofrutticole salernitane soffermandosi ad apprezzare la qualità delle produzioni.

La missione in terra tedesca ha voluto anche  ridisegnare l’immagine di una terra martoriata dai mass media, ma che invece è un vero scrigno di tipicità locali con decine di tipologie di ortaggi in possesso di tutti i requisiti di garanzia e tracciabilità per immettersi nelle catene distributive europee.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here