Esportazioni: in dieci anni la pasta raddoppia!

0
291

Il valore delle esportazioni di pasta nel mondo è praticamente raddoppiato negli ultimi 10 anni raggiungendo il valore di 1,8 miliardi di euro nel 2009.

Un piatto di pasta su quattro consumato nel mondo è fatto in Italia che è leader nella produzione con 3,2 milioni di tonnellate superiore a quella degli Stati Uniti (2 milioni di tonnellate), del Brasile (1 milione di tonnellate) e della Russia (858 mila tonnellate).

Il consumo di pasta di semola in Italia è fissato attorno ai 26 chili a persona (al secondo posto i venezuelani con 13 chili), tre volte superiore a quello di uno statunitense, di un greco o di un francese, cinque volte superiore a quello di un tedesco o di uno spagnolo e sedici volte superiore a quello di un giapponese.

Impressionante è la crescita negli Stati Uniti dove per quasi 8 americani su 10 (77 per cento) è diventata un appuntamento almeno settimanale, mentre il 33 per cento la mangia almeno 3 volte a settimana, secondo un’indagine realizzata negli USA dalla Associazione Nazionale dei produttori di pasta (National Pasta Association).

Tra i consumatori accaniti più illustri ci sono anche Barack e Michelle Obama appassionati degli stringozzi alla carbonara ma, secondo il “Metropolitan Post”, ricorrono addirittura ad un costoso “personal pasta chef”, Robert De Niro, Scarlett Johansson e Quentin Tarantino.

Nonostante la sostanziale tenuta dei consumi a livello nazionale si è però verificato un crollo dei prezzi pagati agli agricoltori per il grano duro necessario per la pasta su livelli di circa  15 centesimi al chilo che non riescono a coprire i costi di produzione e mettono a rischio il futuro.

La storia della pasta ha inizio circa 7000 anni fa e sono molte le leggende e le credenze intessute attorno alla sua nascita: c’è chi l’attribuisce agli Dei, chi agli Etruschi, chi a Marco Polo e al suo ritorno dalla Cina e chi pensa che i primi inventori della pasta siano stati gli arabi.

Ma, tra leggenda e verità sicuramente l’Italia è il Paese che ha maggior titolo nel rivendicare la paternità di questo alimento grazie al forte legame con il territorio, alle tecniche di lavorazione e alle sapienti combinazioni culinarie. Di certo, infatti, si sa che nel XVII secolo, a Napoli, la pasta “incontra” il pomodoro, arrivato in Europa con la scoperta dell’America e con il tocco aggiuntivo del basilico nasce un fortunato tris di colori, testimonial indiscusso della nostra bandiera che ancora oggi fa il giro del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here