Continua il lavoro del Comitato Promotore Cipolla Ramata. L’obiettivo è l’IGP

0
336

MONTORO INFERIORE (AV). Continua il lavoro di coordinamento e ricerca da parte del Comitato Promotore Cipolla Ramata di Montoro, costituitosi lo scorso 21 aprile e che ha già avviato le procedure necessarie a richiedere l’iscrizione del prodotto alla lista delle IGP. Tutti i requisiti ci sono e tante le ragioni per cui questo riconoscimento porterebbe ulteriore aiuto ai produttori.

Riportiamo alcune considerazioni fatte dal presidente, Nicola Barbato, in occasione dell’ultimo convegno dibattito promosso dal Comitato.

“In Italia operano circa 1 milione e settecentomila aziende agricole, che producono beni per circa 50 miliardi di euro e che coinvolgono tra titolari, dipendenti, familiari e lavoratori stagionali, circa 4 milioni di persone.

Questi grandi numeri confermano l’importante ruolo produttivo e sociale dell’agricoltura, ma evidenziano anche una forte frammentazione che condiziona la competitività del sistema: costi di produzione più elevati, limitata diffusione dell’innovazione tecnologica, un minore potere contrattuale sul mercato.

Il futuro dell’agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l’alimentazione, ma anche alla sua centralità nella tutela dell’ambiente e del territorio, a beneficio di tutti.

In coerenza con questo nuovo ruolo, la Politica Agricola Comunitaria ha deciso di rafforzare il sostegno allo sviluppo delle aree rurali, dove l’agricoltura ha le sue radici più salde ed un peso socio-economico più rilevante.

Il nostro obiettivo è valorizzare i prodotti locali promuovendo la diversificazione delle attività economiche per creare nuove opportunità di lavoro ed evitare lo spopolamento delle aree Rurali.

Sono le nuove frontiere dello sviluppo sostenibile, in cui l’agricoltura svolge un ruolo da protagonista nel ridurre gli squilibri socio-economici, rafforzare i legami tra attività produttive e salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio, valorizzare la tradizione, non solo dei prodotti tipici, ma anche della cultura rurale e della vita contadina.

Su questa nuova missione, rispondente alle esigenze degli agricoltori del nostro territorio, il comitato dei produttori per la registrazione della IGP Cipolla Ramata di Montoro, si propone di perseguire il Reg. UE 510/2006.

Il comitato si è costituito il 21 aprile 2010 e tra i soci fondatori ci sono 31 aziende individuali, un’azienda agricola s.r.l, un’azienda agricola s.s.a., ed una cooperativa agricola.

Le 31 aziende individuali che hanno preso parte alla costituzione del Comitato Promotore sono ubicate nei comuni di: Montoro Inferiore (27), Mercato S. Severino (1), Fisciano (1), Pellezzano (1) e Baronissi (4).

Lo scopo di tale comitato è quello perseguire il Regolamento (CE) n. 510/2006, attivare tutte le iniziative utili a valorizzare la produzione della Cipolla Ramata, ed ottenere il riconoscimento della I.G.P. “Cipolla Ramata di Montoro” , quindi, redigere il disciplinare di produzione, individuare l’areale di produzione, sviluppare una filiera di settore.

La nuova agricoltura ha bisogno del proprio territorio e dei giovani che ci vivono per essere valorizzata, perché il "prodotto locale" garantito e tracciato è il prodotto che si associa al patrimonio culturale di cui il nostro territorio è ricco.

L’ intenzione del Comitato dei Promotori della Cipolla Ramata di Montoro è quella di contribuire a far conoscere i prodotti della nostra terra e di conseguenza i territori che li esprimono partecipando così agli sforzi che il comparto agroalimentare della nostra regione sta affrontando affermare nel mondo il “Made in Campania”.

Questi, sono solo alcuni dei motivi per il quale chiediamo anche la vostra partecipazione, difatti, questo progetto come potrete notare negli interventi successivi ha tra gli obiettivi di: rafforzare la competività, valorizzare l’ambiente e il territorio, migliorare la qualità della vita e favorire il ricambio generazionale. Noi ci crediamo!”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here