Carnevale è già qui. Facciamoci due chiacchiere, veg però…

0
498

CHIACCHIERE 02Si dice che “l’epifania tutte le feste porta via”, ma dipende dall’anno. Quest’anno l’epifania ha solo segnato un momento di “pausa” tra le festività natalizie e l’inizio del periodo pasquale.
Il 9 febbraio è già Carnevale. “La parola carnevale deriva dal latino carnem levare (“eliminare la carne”), forse influenzata anche dal latino vale (quasi fosse “carne, addio!”), poiché indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di Carnevale (Martedì grasso), subito prima del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima.

I caratteri della celebrazione di questa festa hanno origini in festività molto antiche, come per esempio le dionisiache greche (le antesterie) o i saturnali romani.

Durante le feste dionisiache e saturnali si realizzava un temporaneo scioglimento dagli obblighi sociali e dalle gerarchie per lasciar posto al rovesciamento dell’ordine, allo scherzo e anche alla dissolutezza” (da Wikipedia).

Nell’antichità era il giorno dedicato alla violazione di tutti i divieti, soprattutto a tavola, come ancora succede: proteine, grassi e carboidrati nei piatti di tutti per fare rifornimento di “grassi” prima della Quaresima.

Tra i fritti tipici, le chiacchiere ( o bugie, lattughe, ciarline, ‘ncartellate, fiocchetti, cenci, frappe, galani, sfrappole, frijoli , fatti-fritti, crostoli) che quest’anno proponiamo in una ricetta veg.

IMPASTARE IMPASTO A MANO

Ingredienti
1 kg di farina
50 gr di zucchero
1 bicch. di vino dolce
1 bicch. di olio di semi di mais
1 bicch. di spremuta di arance, limoni e mandarini
1/2 bustina “Pan degli Angeli”
Procedimento
Le chiacchiere di Carnevale si preparano velocemente impastando gli ingredienti, poi con la pasta ottenuta si ricaveranno delle strisce che verranno fritte nell’olio e cosparse di zucchero a velo.
Disponete la farina a fontana, mettetevi nel centro gli altri ingredienti. Impastate e lavorate a lungo fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.

Formate una palla, coprite con un telo e lasciate riposare per 30 minuti. Al termine dei 30 minuti, lavorate ancora la pasta per qualche minuto, poi tirate una sfoglia sottilissima (anche con il mattarello!).

SFOGLIA CHIACCHIERE

Tagliate dalla sfoglia così ottenuta delle strisce della larghezza di circa 8 cm, quindi con una rotella ricavatene tanti rettangoli ed effettuate un taglio per il lungo.

Friggete le chiacchiere, poche per volta, in abbondante olio bollente, scolatele con un mestolo forato quando saranno dorate ed appoggiatele sulla carta assorbente. Lasciatele raffreddare e cospargetele con lo zucchero a velo.

Tiziana Di Muro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here