Legambiente ripropone l’etichetta ecologica, per le strutture turistiche con animo green

0
413

legambiente turismoTorna l’etichetta ecologica “Consigliato per l’impegno in difesa dell’ambiente” con cui Legambiente, da oltre vent’anni, si propone di ridurre l’impatto ambientale del turismo nei territori proprio a partire dalla qualificazione delle strutture, coinvolgendo gli operatori locali e i turisti in un sistema che rileva la qualità della ricettività e guida le azioni per favorire vacanze più consapevoli ed ecologiche.

Un modo, quello dell’etichetta, che l’associazione ha scelto per riconoscere l’impegno dei gestori e farsi garante per i viaggiatori della qualità ambientale, per sviluppare sinergie, condividere e mettere in rete esperienze e buone pratiche.

Un’opportunità per i protagonisti del settore d’intraprendere un percorso virtuoso per migliorare le prestazioni ambientali della propria struttura ricettiva e al tempo stesso promuoversi e comunicare con più facilità l’offerta ai propri clienti di un soggiorno di qualità e a basso impatto.

Aderendo ai principi e al progetto di Legambiente Turismo, i gestori di alberghi, B&B, ostelli, agriturismi, hotel ma anche campeggi e ristoranti, s’impegnano a seguire un disciplinare di comportamento per una gestione eco-efficiente e sostenibile della struttura, dal risparmio energetico e idrico, alla riduzione e raccolta differenziata dei rifiuti, passando per la mobilità sostenibile, la promozione del territorio e di una sana alimentazione biologica e OGM free.

Legambiente dal canto suo, mette a disposizione le proprie competenze per guidare le strutture in questo percorso virtuoso, provvedendo alla formazione degli operatori e effettuando annualmente controlli di verifica.

L’adesione all’etichetta di Legambiente Turismo offre l’opportunità di avere visibilità attraverso i canali e gli strumenti di comunicazione dell’associazione (come il nuovo sito www.legambienteturismo.it e il mensile La Nuova Ecologia) e la collaborazione con partner autorevoli come AITR (Associazione italiana turismo responsabile) e NECSTouR (la rete europea delle regioni per il turismo sostenibile).
Nel nuovo sito internet, ad esempio, ogni struttura aderente compare con una propria scheda che ne illustra le caratteristiche e i servizi offerti e può essere trovata tramite diversi sistemi di ricerca, per zona geografica o caratteristica.

Le strutture aderenti avranno visibilità anche attraverso le iniziative, i convegni e le attività organizzate da Legambiente sui temi della ricettività e del turismo responsabile, saranno valorizzate le eccellenze con la partecipazione ad eventi come la BIT (Borsa italiana del Turismo) di Milano e attraverso la collaborazione con due tour operator (ItalySustainableTravel e FindYourItaly) per la promozione verso l’estero e con Vivilitalia per la promozione nazionale.

Legambiente sta realizzando anche una serie di linee di proposta turistica nell’ambito dei nuovi turismi correlati alla sostenibilità come i ristoranti del cigno a filiera corta per la valorizzazione dei piatti e dei prodotti del territorio; i bici-alberghi terminali di una rete di cicloturismo; i centri di educazione ambientale e le fattorie didattiche che uniscono all’offerta didattica quella ambientale. E ancora una serie di strutture amiche degli animali dove gli amici a quattro zampe non solo hanno accesso, ma sono graditi ospiti e poi strutture ricettive natura presenti nei parchi, riserve e siti di interesse naturalistico che realizzano programmi di escursionismo e passeggiate.

A Legambiente Turismo si può aderire direttamente on-line. Per le modalità e maggiori informazioni inviare una mail a turismo@legambiente.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here