Matera3Matera capitale europea della cultura 2019. E’ questo l’annuncio, di pochi giorni fa, che ha acceso i riflettori su una città affascinante che è passata da essere una “vergogna” a divenire Patrimonio Mondiale dellUnesco nel 1993 con i suoi “Sassi”.

E’ una storia di povertà quella di Matera e dei contadini che fino agli anni Sessanta hanno abitato le cavità di un territorio di tufo scavato ed abitato da sempre. Così gli insediamenti rupestri dell’Alto Medioevo lasciano spazio ai monaci ed infine ai contadini.

Con la nomina UNESCO la tutela e la valorizzazione di insediamenti umani al limite della decenza creano ambienti suggestivi attorno ad una terra non sempre generosa, spesso difficile. Oggi una visita ai Sassi è d’obbligo, vi conquisterà un’ambientazione intatta, d’altri tempi.
Lo sanno registi di tutto il mondo che l’hanno scelta per ambientare quelli che poi sarebbero diventati dei capolavori, basti ricordare il film di Mel Gibson “La passione di Cristo” del 2002 e quello di Pier Paolo Pasolini “Vangelo secondo Matteo” del 1964.

Antonella Petitti

ph Roberto Pellecchia

CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here