PIZZAMangiare a casa i piatti acquistati al ristorante: una formula che si rivela vincente, favorita dall’aumentata voglia di restare a casa con un occhio al portafoglio. Prendi e porta via: l’asporto si conferma una tendenza in crescita, non solo generalmente ma anche nella ristorazione.

Il trend favorevole emerge dai dati del panel Crest di Npd Italia: il take away si sta affermando sempre più come una nuova modalità di consumo. Il consumo di cibi e bevande, si stacca progressivamente dal rito del pasto, pranzo o cena che sia, per “estendersi” all’intero arco della giornata.

Si tratta di un fare di necessità virtù che lentamente si sta trasformando in una nuova “moda”. Una modalità di consumo molto diffusa che prevede l’uscita dal lavoro, il passaggio al ristorante o in pizzeria per ritirare la cena e il pasto che sarà poi consumato tra le mura di casa, in famiglia o con amici.

Secondo Matteo Figura – direttore business unit Foodservice di Npd Italia, – si è andata progressivamente affermando la tendenza a uscire meno e a stare più a casa. Ma è solo un ritirarsi e non un rinunciare, infatti, il take away è la soluzione che offre una risposta a più esigenze: stare a casa, ottimizzare la spesa e premiarsi.

La tendenza degli italiani è quella di riprodurre a casa propria la stessa esperienza appagante, sia in termini di qualità del cibo che di tipologia delle pietanze, che offre il ristorante.

La scelta di consumare il pasto a casa non è vissuta come una rinuncia, anche se non si ha a disposizione i cosiddetti “accessori” del consumo fuori casa, come il servizio, il dessert, le bevande.

In cambio si ha un notevole risparmio e la stessa soddisfazione. La casa che non resta l’unico luogo, seppur privilegiato, per il consumo dei patti d’asporto. Crescono anche i consumi all’aperto, in primis i giardini pubblici, a seguire i luoghi di lavoro.

La pizza resta il piatto più richiesto, mentre molti ristoranti puntano su piatti semplici e gustosi per fare del take away la loro opportunità di lavoro: lo dimostrano il moltiplicarsi di siti che offrono la possibilità di ordinare online il pasto da una pluralità di locali.

Maria Rosaria Mandiello

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here