Una birra italiana varca l’oceano …è la Ronzani

0
330

Cinquemila a New York, quattromila verso la migliore ristorazione di Sidney (tra i cui estimatori c’è anche Alessandro Pavoni pregiato Chef emergente in terra australe), altre duemila in Quebec, Montreàl, Le Baleari. Questi sono alcuni dei numeri di bottiglie di “BIRRA RONZANI CINQUEPUNTOCINQUE” richiesti dalla moderna ristorazione internazionale.

Birra Ronzani è tra i più antichi birrifici artigianali nazionali, le sue radici affondano nel 1855.

Oggi grazie alla visione di Alberto Ronzani, Marco Rossetti e Fabrizio Procaccio è rinata divenendo in pochissimo tempo uno stile di vita oltrechè un prodotto di riferimento, decretato soprattutto dai clienti.

Conosciuta nel passato anche come L’ORO DEL RENO, figlia di una città simbolo del bièn vivre, contemporanea di nascita del grande Bologna calcio “che il mondo tremare faceva” oggi, Birra Ronzani, forte di un passato ancora protetto e conservato, è pensata-prodotta e distribuita da una azienda moderna, giovane, ramificata, comunicativa.

Un’esperienza sensoriale ed estetica che riscuote sempre più successo portando il valore del made in Italy anche oltreoceano in mercati consolidati o emergenti.

Birra Ronzani è una delle birre più utilizzate nelle Beauty Farm e nei centri termali, proprio per le sue caratteristiche naturali in quanto viene prodotta utilizzando acqua di fonte purissima che sgorga dalle appendici del Monte Nerone, ad una altezza di 1525 m.

Per tutto questo, dal 1855, l’azienda continua ad osservare il massimo rispetto del marchio, dell’arte brassicola e  della qualità del prodotto originario credendo, come allora, nel know how italiano e nella tutela della storia come patrimonio attuale e futuro.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here