Terreni ancora inagibili per l’abbondante pioggiaLa primavera tarda a sbocciare

0
239

La primavera arriva dopo un inverno che ha fatto segnare la seconda maggiore copertura nevosa mai registrata nell’emisfero nord (preceduta solo dal 1978) con effetti sui cicli della natura e sulle attività agricole anche in Italia dove si registra un forte ritardo nel risveglio della natura per il polline nell’aria, i fiori nei prati, le gemme sugli alberi e  la semina nelle campagne. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati preliminari raccolti dal NOAA’S – National Climatic Data Center statunitense, relativi al periodo dicembre/febbraio 2010.

In Italia, per effetto della straordinaria caduta della pioggia e della neve, l’inverno che si è concluso si è classificato al secondo posto tra i più piovosi da trent’anni secondo i dati dell’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (Isac) del Cnr di Bologna. Ma l’inverno è stato anche caratterizzato da temperature minime che in alcune zone non si registravano da un ventennio, neve abbondante in pianura e intense gelate a marzo che hanno condizionato lo sviluppo delle colture.

Le temperature e le sommatorie termiche invernali necessarie allo crescita delle piante sono state notevolmente inferiori della media provocando un forte ritardo nello sviluppo fenologico riscontrabile in tutte le piante da frutto come pesco, susino, albicocco e ciliegio che in gran parte dell’Italia non sono ancora fioriti nonostante l’arrivo della primavera. Se le primule e le margherite sono spuntate nei prati a macchia di leopardo lungo tutto lo stivale, il ritardo nelle fioriture ha effetti anche sulla minor presenza di molti tipi di pollini nell’aria che provocano le allergie tipiche della stagione.

L’abbondante pioggia caduta durante il periodo invernale ha anche reso i terreni agricoli umidi ed inagibili ai trattori per le classiche lavorazioni primaverili di aratura e semina primaverile che è quindi in ritardo in molte regioni con molta preoccupazione tra gli agricoltori.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here