Terra Madre Day nel Volturno. Ecco cosa c’è in programma

0
292

CASERTA. “Dateci pane, ma dateci anche rose!”, così recita la bella poesia di James Oppenheim per affermare il sogno di una società dove sia assicurato cibo di qualità per tutti e si possa vivere nella bellezza. Questo è anche il progetto delle Comunità di Terra Madre che il prossimo 10 dicembre festeggeranno in tutto il mondo i contadini, i pescatori, gli artigiani, il cibo locale e i saperi che nel corso dei secoli gli “umili” hanno saputo sviluppare.

Anche Slow Food Volturno parteciperà al Terra Madre Day con un ricco calendario di eventi che si protrarrà fino al giugno 2013 e che avrà come elemento simbolico il culto matriarcale della dea della fecondità Mater Matuta, particolarmente presente nella Campania Felix dell’età classica, a testimoniare le radici antiche di una civiltà contadina profondamente legata alla terra.

Il  ciclo di manifestazioni di Slow Food Volturno sarà aperto il 10 dicembre a Piana di Monte Verna e a Pietravairano dove saranno protagonisti gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Pietravairano e delle Scuole Medie di Caiazzo, Castel Campagnano, Piana di Monte Verna e Ruviano con laboratori, mostre ed esperienze sensoriali sui seguenti temi: il paesaggio e la campagna; la pasta madre; la cucina degli avanzi; l’arte bianca; la pizza figliata; il mondo delle api; la cucina delle piante spontanee; l’orto in giardino; i saponi naturali; il latte e la cagliata; la lana, la canapa, il lino e la seta. Ma ci saranno anche donne che racconteranno di altre donne, del cibo e della terra e ci saranno uomini – giovani e anziani – che racconteranno dell’acqua preziosa, del solco e dell’aratro.

Al termine delle manifestazioni è previsto un grande Eat-in di studenti e genitori dove ciascuno porterà del cibo locale da condividere con gli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here