Sii Saggio, Guida Sobrio. Il progetto di sicurezza stradale fa tappa a Caserta

0
264

CASERTA. Il progetto sulla sicurezza stradale e guida sicura “Sii Saggio, Guida Sobrio”, edito e promosso dall’Associazione “i Meridiani, con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Anas, ha fatto tappa Giovedì 25 Marzo 2010 anche nella Città di Caserta presso l’Auditorium Provinciale.

Significativi sono stati gli interventi degli esperti del settore che hanno parlato ad una platea composta da numerosi studenti giunti dal territorio casertano per l’occasione.

«Il fenomeno degli incidenti stradali causati dallo stato di ebbrezza nasce ed è dovuto proprio alla totale indifferenza e spesso sottovalutazione che i ragazzi nutrono nei riguardi di questa delicata tematica – ha dichiarato il col. Michele Pascarella, Comandante Provinciale della Polizia Stradale – Da una serie di indagini, abbiamo infatti rilevato che i giovani commettono l’errore di pensare che a loro stessi una disgrazia del genere non possa accadere mai, eppure il fardello più grande è quel grave senso di colpa che resterà per sempre nei cuori e nelle coscienze delle famiglie. Emblematica a riguardo – continua Pascarella – è la storia di una giovane donna riminese, Lisa, che ancora ricordo.

La ragazza, oggi costretta a vivere su una sedia a rotelle, è rimasta gravemente ferita alcuni anni fa in un incidente stradale, causato proprio dallo stato d’ebbrezza del conducente. Di casi come Lisa, ce ne sono parecchi ogni giorno, soprattutto sulle nostre strade campane, in primis fra tutte, la SS. Domiziana, ove ogni notte i nostri uomini sono chiamati a soccorrere giovani vite schiantate sull’asfalto».

«Come gestore della rete autostradale – dichiara l’ing. Salvatore Frasca, Responsabile Nuove Costruzioni del Compartimento ANAS S.p.A. della Campania – è nostro compito fondamentale cercare di arginare al massimo l’aumento incessante del numero degli incidenti stradali, i quali purtroppo ogni anno non sono legati soltanto alle condizioni degli assi viari, a quelle dei veicoli in sé che su di essi giornalmente si spostano, ma soprattutto alle cattive condotte dei conducenti.

In stretta collaborazione con le forze dell’ordine, la capacità di intervento e l’attività repressiva, tuttavia non bastano. L’Anas pertanto è da sempre vicina ad iniziative come “Sii Saggio, Guida Sobrio” perché convinta che tali fenomeni possano essere contrastati efficacemente solo attraverso una cultura della sicurezza stradale che parta dai banchi di scuola».

«Dai drugs-test effettuati – come ha spiegato a conclusione dell’incontro il col. Giuseppe De Simone, Capo Ufficio Reclutamento e Comunicazione del Comando Militare Esercito “Campania” – risulta sempre più spesso che a causare incidenti stradali sono micidiali cocktails a base di droghe e alcool che i giovani in maniera del tutto inconsapevole assumono.

Queste sostanze, soprattutto se prese in maniera abituale, sommate alla scarsa visibilità che ogni essere umano ha di notte alla guida, provocano un innalzamento della soglia di irascibilità ed una conseguente riduzione della capacità di giudizio.

Ecco perché è importante che i giovani comprendano la gravità di quello che può essere un atteggiamento emulatorio, legato all’euforia del momento. Il significato di questa campagna “Sii Saggio, Guida Sobrio”, che l’Esercito Italiano sostiene da sempre, grazie al costante impegno e alla professionalità dell’Associazione “i Meridiani”, sta proprio nell’infondere ai giovani la consapevolezza e la responsabilità delle proprie scelte. E’ qui  – sottolinea De Simone – che si completa la maturità e la crescita di un individuo».

Il progetto “Sii Saggio, Guida Sobrio”, che si avvale anche della collaborazione dell’Esercito Italiano, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, dell’Associazione Marco Polo e dell’Ufficio Scolastico Regionale nonché del personale specializzato delle Asl territoriali, intende sensibilizzare i giovani sul tema della sicurezza stradale.

Di grande impatto è la chiazza rosso sangue associata al calice di vino rovesciato, che richiama il pericolo di guida in stato di ebbrezza. L’head line della campagna “Sii saggio Guida Sobrio”, declinata anche in uno spot video destinato ai social network, è un invito ai giovani a essere prudenti.

Gli studenti potranno partecipare ad un concorso a premi da richiedere presso la propria scuola o scaricare sul sito web www.siisaggioguidasobrio.it e prendere parte alla kermesse finale al Circolo Ufficiali dell’Esercito Italiano con sede a Palazzo Salerno, a Napoli, che si terrà ad aprile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here