PREMIO BIOLMIEL: il migliore è a Treviso. Seguono mieli pugliesi, arabi ed abruzzesi

0
293

CATANIA. E’ il miele biologico di acacia dell’azienda “Apicoltura Cassian” di Treviso il migliore di quest’annata. E’ il principale verdetto del III Premio BiolMiel, il concorso internazionale per mieli da produzione bio svoltosi a Catania.

 

Il prodotto veneto è stato proclamato dalla Giuria internazionale che lo prescelto tra i 154 in gara (circa il 20 per cento in più rispetto alla scorsa edizione) provenienti da varie zone d’Italia, ma anche da Slovenia, Croazia, Grecia, Spagna, Messico, Argentina, Turchia e Libano.

 

Sempre tra gli uniflorari, secondo posto per il miele di castagno pugliese dell’azienda “ApiPuglia”; terzi, ex aequo, il miele di giuggiolo prodotto dall’azienda araba “Abu Dhabi Organics” e quello di sideritis dell’azienda abruzzese “Premiata Apicoltura La Ghirlanda”.

 

Tra i prodotti padroni di casa, ossia i siciliani, miglior piazzamento – sesto posto – per il miele di rosmarino dell’azienda trapanese “Isola Del Miel”. Infine, miglior millefiori è stato proclamato quello prodotto dal’azienda lombarda “Apicoltura Zipoli”.

 

Per tre giorni dunque il Convitto Cutelli, nel centro storico della città, ha ospitato i lavori della giuria  presieduta da Gian Luigi Marcazzan del CRA-Api di Bologna, ma anche un convegno internazionale su apicoltura e biodiversità, i “Laboratori del gusto” del miele, i lavori del comitato nazionale Premi Biol, la riunione dei tecnici apistici Icea e un mercatino bio dei prodotti dell’alveare.

 

Nato come occasione per incontrare produttori di miele e tecnici, per dibattere e sostenere l’agricoltura biologica e sostenibile e per promuovere i prodotti biologici di qualità, il BiolMiel – www.biolmiel.it – è stato promosso da Icea – Istituto Certificazione Etica e Ambientale, in collaborazione con il CRA – Unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura di Bologna e con il C.I.BI. – Consorzio Italiano per il Biologico (organizzatore e depositario del marchio del Premio Biol), col patrocinio di Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Camera di Commercio di Catania e AgriBioMediterreneo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here