Postrivoro. Una nuova tappa per i gastropellegrini

0
241
Photo by Sole D'Alessandro G. on Unsplash

Solo venti posti a sedere per ogni appuntamento e rigorosamente su prenotazione. Una cena o un pranzo curato in ogni dettaglio da un giovane chef emergente proveniente da una cucina “stellata” e un sommelier che abbinerà allo speciale menù diverse sorprese enologiche. Tutto questo è Postrivoro, “evento saltuario e immaginario” ideato da Raw Magna, associazione di giovani gourmand romagnoli e cosmopoliti che si occupa di eventi e didattica nell’ambito eno-gastronomico.

Il primo appuntamento è previsto per il 3 e 4 marzo a Faenza con Takahiko Kondo – uno dei cuochi dell’Osteria Francescana di Modena, ristorante con tre stelle Michelin e in cima a tutte e tre le principali guide gastronomiche italiane – e Lorenzo Rondinelli, sommelier del Trussardi alla Scala di Milano, due stelle Michelin. La cornice dell’evento sarà la sede del Rione Bianco nel Chiostro della medievale Chiesa della Commenda. I partecipanti condivideranno un unico tavolo e saranno accompagnati dalla presentazione dei due protagonisti che sveleranno fonti d’ispirazione, trucchi e ingredienti.

“Lo spunto l’abbiamo preso da esperienze londinesi e parigine come The Loft Project e Fulgurances” spiega Enrico Vignoli, presidente di Raw Magna “ma vi abbiamo aggiunto la presenza di un esperto di vini che collaborerà con lo chef per completare l’esperienza gastronomica. Dai cugini inglesi e francesi abbiamo preso l’idea di una serata informale, ma indimenticabile e unica per chi vi partecipa. La nostra associazione nasce proprio con lo scopo di promuovere i giovani chef e divulgare nuove esperienze gastronomiche”.

Ogni evento in programma si svolgerà nel week end con una cena per il sabato e un pranzo per la domenica. Il menù sarà fisso e svelato quasi all’ultimo istante, così come l’abbinamento vini per i piatti. Il tema scelto da Takahiko Kondo per la “prima” di Postrivoro è il ciclo della vita e si comporrà di sette portate perfettamente calate nella stagione e nel territorio, con un naturale intreccio di tradizione italiana e radici giapponesi.

“Ci piaceva l’idea di dare vita sul territorio di Faenza a situazioni gastro-favolose che già animano la nostra fantasia collettiva” commenta Simone Ravaioli, vice presidente di Raw Magna e fiduciario della condotta Slow Food di Faenza “per questo anche il nome e il logo Postrivoro che dà l’idea di un animale immaginario, una bestia fantastica alla Borges”.

Postrivoro è un’iniziativa che vede la collaborazione del Rione Bianco del Palio del Niballo, Slow Food Emilia Romagna, Birra Ronzani, Museo Carlo Zauli e pizzeria “O’fiore mio”. Gli sponsor tecnici del progetto sono La Fenice Catering e Bompani Cucine.

L’appuntamento successivo con Postrivoro è per il 28 e 29 aprile, sempre nella sede del Rione Bianco con lo chef Auguste Lill del ristorante La Gazzetta di Parigi.

Per informazioni è possibile consultare il sito web www.postrivoro.it. Le attività sono riservate ai soci dell’associazione RAW Magna.

*Takahiko Kondo

Taka, come viene più facile chiamarlo, nasce a Kuma-no-mae a Tokyo nel 1979. Nel quartiere dove è sempre vissuto, Machìa, tutti lo ricordano per la sua vivacità e per essere un grande playboy. Ma la sua grande passione è la cucina italiana, che lo ha portato a fare importanti esperienze in Italia, prima di approdare all’Osteria Francescana nel 2005. Nel 2007 è stato in stage al Celler de Can Roca in Spagna. Il Kanji di Kondo si legge “montagna blu”, e i “blues” sono la sua squadra del cuore.

*Lorenzo Rondinelli

Nasce ad Imola nel 1985. Nonostante la giovane età da più di tre anni è sommelier de Il Ristorante Trussardi Alla Scala di Milano. La passione per il vino è iniziata molto presto grazie a nonno Ezio che produceva per la famiglia un moscato amabile, frizzante, semi fermentato… che quando non scoppiava in cantina era eccezionale. Fra le sue passioni ci sono l’apnea e gli ovini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here