PATATE: cala la superficie coltivata, ma resta ottima la qualità

0
306

Iniziata a fine giugno, la raccolta di Selenella, patata 100% italiana, è ora giunta al termine. “La produzione risulta di elevata qualità – spiega Giacomo Accinelli, responsabile agronomo del Consorzio Patata Italiana di Qualità – poiché l’andamento ottimale del ciclo vegetativo è stato favorevole alla coltura.

Nonostante le temperature alte e l’assenza di pioggia, l’irrigazione è stata fondamentale per la produzione ed ha permesso che le scavature siano state fatte nelle condizioni migliori. Abbiamo raccolto con circa dieci giorni di anticipo e, di conseguenza, la raccolta è terminata prima del previsto, ciò ha permesso di avere un prodotto molto uniforme sia come colore che di calibro. Anche le rese produttive sono buone, leggermente inferiori alle medie degli ultimi anni, ma grazie alla programmazione la quantità dell’offerta sarà rispettata”.

Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale, il calo delle superfici investite in coltivazione di patata riguarda diverse regioni italiane, in particolare, gli operatori dell’Emilia Romagna stimano un calo delle superfici coltivate di circa il -10% rispetto allo scorso anno.

“Le produzioni europee compresa quella italiana – prosegue Accinelli – si prevedono complessivamente su volumi inferiori rispetto allo scorso anno per effetto di una riduzione delle coltivazioni. Questo dato, unitamente al fatto che lo scorso anno sono state registrate rese produttive particolarmente elevate per le coltivazioni di Patata in Nord Europa, lascia prevedere una situazione di mercato migliore per la prossima stagione, con una offerta di prodotto sul mercato europeo in equilibrio rispetto alla domanda”.

In questo contesto Selenella, con il Consorzio Patata Italiana di Qualità la cui mission è l’eccellenza e la salvaguardia del valore a livello dell’intera filiera, continua a mantenere la propria solida leadership di mercato nelle patate confezionate. Una ricerca di elevata qualità che parte dalla tutela del territorio e continua fino alla tavola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here