MOSTRA: Fresco d’autore. Non solo a tavola…

0
239

FORTE DEI MARMI (LU). Dal 25 agosto la Galleria Susanna Orlando ospita la mostra Fresco d’autore di Lorenzo Lazzeri, maestro fiorentino, le cui celebri resine costellate da pesci guizzanti hanno costituito la sua ricerca ultima.

Nelle opere presentate in mostra, che costituiscono la summa del percorso artistico del maestro possiamo notare la forma compiuta, colorata e colta nell’attimo del guizzo che esprime tutta la forza e la vitalità del pesce nel suo ambiente naturale, contrapposta all’abbozzo grigio di figura umana che pare modellata nel fango del fondo marino in via di organizzarsi nella specie più evoluta di questo pianeta.

Entrambi i corpi sono sommersi in una sorta di fluido primordiale che nutre e governa ogni esperienza sensibile, milioni di anni di evoluzione dal fondo del mare alle terre emerse sono sintetizzati in un attimo in cui il passato e il futuro per un momento si sfiorano, senz’altra reciproca appropriazione.

D’altro canto, nella stessa embriogenesi (durante la gestazione), l’organismo umano attraversa una fase in cui sono presenti strutture simili a quelle della respirazione dei pesci che poi evolvono trasformandosi in altri organi.

In altre opere invece, si coglie all’interno del compatto banco di pesci, il singolo individuo che spicca per il suo colore più vivo, quasi un tentativo di fuggire dalla massa amorfa per l’affermazione della propria unicità a scapito del sicuro abbraccio protettivo dell’anonimato.

Notevole il richiamo alla leggenda secondo cui un pesce, nell’Oceano Indiano, si diresse verso una caverna in cui udì una voce melodiosa. Questa voce altri non era che il dio Shiva che insegnava alla sua sposa Parvati le tecniche segrete dello yoga. Tale fu la sublimità della conoscenza acquisita che il pesce divenne uomo (Matsyendra), trasmettendo al resto dell’umanità la preziosa scienza dello Yoga.

***Lorenzo Lazzeri: Nasce a Firenze nel 1956, dove si diploma al liceo artistico nel 1979 e all’accademia di Belle Arti nel 1979 e si presenta per la prima volta al pubblico, quattro anni dopo, con la prima mostra. Da allora, molte sono state le esposizioni personali e collettive che lo hanno visto protagonista, convalidandolo fra le personalità più attive e valenti del panorama artistico fiorentino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here