IMG_1467EBOLI (SA). “Abbiamo tutto dalle ricchezze eno-gastronomiche alle bellezze naturalistiche, dai grandi patrimoni storici alle risorse umane”. Il coro è unanime, non sono solo le parole degli organizzatori. Giovani che hanno scelto giovani per raccontare un antico e straordinario territorio come la Magna Grecia, testimonianza ancora viva di un Sud che può farcela a riscattarsi da tutto ed anche dal momento di difficoltà che vive l’intero Paese.

Con questa consapevolezza si è aperta la kermesse lo scorso 19 aprile assieme ai presidenti dell’UNPLI Campania e Salerno, Mario Perrotti e Mario De Julis, al primo cittadino di Eboli, Martino Melchionda ed il primo cittadino di Casalbuono, Attilio Romano.

E così è continuata accogliendo – di volta in volta – nello spazio centrale destinato ai talk e agli show-cooking, assieme agli chef Cristian Torsiello, Vitantonio Lombardo e Antonello Martuscelli, coordinati dalla giornalista enogastronomica Antonella Petitti.

Il progetto dedicato al gusto e al turismo firmato da Tanagro Legno Idea di Giuseppe Lupo e da Goi Comunicare di Alfonso Paoletta e Bruno Avagliano, ha raccontato – durante lo scorso week-end – soprattutto una provincia fatta di piccole realtà e di piccole produzioni che, in quanto tali, hanno bisogno di dare spazio alle persone per poter continuare a vivere e di conseguenza assicurare la sopravvivenza al grande patrimonio culturale dell’entroterra italiano.

Di grande interesse anche i panel test a cura di Gennaro De Luna dedicati agli oli della DOP Colline Salernitane ed i laboratori di approccio degustazione al vino a cura del sommelier Andrea Moscariello, che ha anche animato una temporary enoteca con una selezione dei migliori vini italiani.

Guardiamo già avanti, sperando di riuscire a costruire un futuro a Magnagrecia. Ci piacerebbe immaginarla itinerante, magari attraverso quei piccoli borghi e paesi che hanno fatto grande la Magna Grecia. Questo ci permetterebbe di accendere i riflettori su più territori e tradizioni, dando man forte anche alle numerose Pro Loco che in questa prima edizione ci hanno sostenuto nonostante le difficoltà”, concludono gli organizzatori.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here