L’orientale cerfoglio, amato dai francesi. Assaggiamolo con le carote…

0
362

CERFOGLIOIl cerfoglio (Anthriscus cerefolium) è originario del Medio Oriente e delle zone caucasiche, in Europa viene utilizzato soprattutto in Francia.

Le sue foglie, simili al prezzemolo e ad un merletto, sono aromatiche e ricordano un misto di anice e liquirizia, che scompare quando le si taglia. Il loro colore è verde chiaro, che col tempo tende al rossastro. I fiori bianchi sono piccoli e sono raccolti in mazzetti a forma di ombrello. Il cerfoglio è una pianta che non ama i climi secchi e caldi.

Molto meglio una posizione ombrosa e un suolo umido. Bisognerebbe evitare di trapiantare la pianta e bisognerebbe invece seminare direttamente nella sede definitiva, verso la fine dell’estate; le piantine vanno sfoltite fino a 25 cm e tenute libere da erbacce. In caso di clima secco, si deve innaffiare copiosamente. La raccolta delle foglie può cominciare dopo sei settimane dalla germinazione e potrà proseguire per tutto l’inverno. Gli steli fioriti vanno rimossi. Il cerfoglio è una pianta che cresce bene anche in contenitore.

Nella cucina francese il cerfoglio viene usato allo stesso modo del prezzemolo; con il burro al cerfoglio si insaporisce il pollame; le foglie triturate si aggiungono a minestre di verdura, uova, insalate ed arrosti. Viene anche usato nella preparazione della besciamella. Si può inoltre abbinare alle patate e ai funghi.

In medicina non ha usi importanti, con le foglie fresche si possono preparare cataplasmi caldi da applicare alle giunture doloranti. Anche in cosmesi le foglie fresche servono per la preparazione di infusi per detergere la pelle. Si consiglia di non essiccare il cerfoglio, poiché perde il suo aroma e le foglie si riducono molto. E’ ricco di magnesio, vitamina C e carotene.
RICETTA
“Carotine glassate al cerfoglio”
1 kg di carote tenere
50 gr di burro
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaio di cerfoglio tritato
Sale e pepe a piacere
Procedimento:
Spuntare le carote alle estremità più larghe e pulirle. Metterle in una pentola con acqua bollente e salata e lasciare cuocere per otto minuti, poi scolarle. Far sciogliere a fuoco basso in un pentolino burro e zucchero, aggiungervi le carote e saltarle per altri dieci minuti muovendole spesso, in modo che si ricoprano bene di glassa. Alla fine cospargerle di sale, pepe e cerfoglio tritato.

Annamaria Parlato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here