Lavorando…Riciclando. Il progetto per l’inserimento lavorativo delle fasce deboli

0
220

EBOLI (SA). Il riciclo come risorsa essenziale, per l’inserimento lavorativo delle fasce deboli. Ad Eboli, parte il progetto “Lavorando…Riciclando”. L’esperimento avviato da “L’Astronave a Pedali” è stato presentato giovedì 27 maggio alle ore 18,30 presso la sede dell’associazione, da anni attiva nel recupero dei minori a rischio.

 

Si tratta di un laboratorio di educazione al lavoro nel settore del riciclaggio dei rifiuti, in particolare dei grossi elettrodomestici, che fornisce ai giovani a cui è rivolto un presupposto fondamentale per la convivenza civile. «Il progetto è rivolto ai ragazzi del quartiere Pescara, principalmente dal 16 ai 20 anni – spiega Raffaele Leso, presidente onorario de L’Astronave a Pedali.

 

L’idea è di unire una risposta all’esigenza di ridurre la produzione di rifiuti ingombranti stimolando la cultura del riuso e del riciclo e di creare, in sinergia con quanti sul territorio si occupano di emarginazione, una rete di protezione sociale per i giovani indirizzandoli verso un’esperienza formativa che possa offrire eventuali possibilità di inserimento nel mondo del lavoro».

 

La presentazione del progetto, che partirà a breve, ha visto partecipare al convegno di presentazione, oltre a Raffaele Leso, il sindaco di Eboli, Martino Melchionda, Pasquale Longo, presidente CSV Solidalis Salerno; Annarita Bruno, assessore politiche sociali del Comune di Eboli e Maria Grazia Caputo, dirigente Piano Sociale di Zona S5. A portare il proprio contributo alla discussione, sul tema della perequazione sociale in provincia di Salerno e della Utilità del sistema sociale nel rete territoriale, Fabio Fraiese, referente CSV Solidalis Salerno.

 

Infine, a spiegare le attività dell’associazione, Paolo Tucci, presidente  de “L’Astronave a Pedali”, Cosimina Cacciottolo, assistente sociale Piano di Zona, Maurizio Tramontano, sociologo coordinatore del progetto. A moderare l’incontro, che ha visto anche la presenza del consigliere provinciale, Massimo Cariello, la giornalista Vitina Maioriello.

 

Maria Vita Della Monica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here