PatateACERNO (SA). Un’amministrazione attenta comprende anche quando è il momento di scommettere su un prodotto, soprattutto se si tratta di un comune a forte vocazione turistica. Succede ad Acerno, tra i Monti Picentini, dove la patata è stata candidata come Prodotto Agroalimentare Tradizionale.

La richiesta all’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania è stata formalizzata lo scorso mese di febbraio attraverso l’approvazione della delibera numero 18. L’Amministrazione comunale così facendo, ha accolto le istanze dei produttori di Acerno.

E’ già arrivato anche un ispettore per effettuare un sopralluogo, alla quale hanno partecipato anche due aziende agricole locali, Pacifico e Sansone, che da decenni hanno investito nel settore dell’agroalimentare di qualità, e tra gli altri prodotti tipici, coltivano le tipiche patate di montagna di Acerno.
La peculiarità delle patate coltivate ad Acerno, rispetto a quelle coltivate in territori ad altitudini inferiori, è rappresentata dal sapore spiccato e dalla consistenza marcata che tale prodotto possiede in virtù del clima freddo presente che, in simbiosi con le caratteristiche del terreno acernese, ricco di sostanze organiche, acqua, azoto, fosforo e potassio, permette di coltivare questo prodotto senza la necessità di irrigare i campi e, soprattutto, senza l’utilizzo di fitofarmaci indispensabili in quasi tutte le altre zone circostanti.
Ad Acerno si coltivano principalmente quattro varietà di patate: Desiree, con una forma arrotondata, buccia di colore rosso, pasta di colore giallo che rappresenta anche una buona conservabilità; Spunta, che ha una struttura allungata, buccia color giallo leggermente meno sbiadito rispetto alla classica acernese e pasta gialla. Le caratteristiche della patata Kennebec sono di grandezza media, tondovale, di colore giallo chiaro, buccia liscia e pasta bianca. Infine, in agricoltura troviamo anche la patata Turchese, il cui nome è dovuto alla particolare colorazione blu-violacea della buccia esterna e della polpa.
Se il Ministero delle Politiche Agricole dovesse accogliere l’istanza dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Sansone ed inserire nell’elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) anche la patata di Acerno, le eccellenze del territorio salirebbero a quattro.

Oggi, infatti, fanno parte di questo paniere la “Castagna”, inserita nella tipologia del prodotto allo stato naturale, la “Fragolata” nella categoria dei prodotti trasformati; la “Pasticella”, invece, rientra tra i prodotti artigianali della tradizione dolciaria locale.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here